Posts Tagged
‘Bambini’

Home / Bambini

13 Marzo 2022 – Redazione – Fonte: TGCOM24

La crisi dei rifugiati, che riguarda oltre 2,5 milioni di persone, genera il caos: “Ad alcune donne viene offerto un lavoro che non c’è o è illegale”, racconta una volontaria al Guardian.

Prima c’erano stati i casi dei respingimenti delle persone nere, bloccate ai confini per il colore della pelle. L’incubo della guerra genera disperazione e ora la crisi dei profughi (oltre 2,5 milioni di persone che cercano di lasciare l’Ucraina in guerra) svela altri orrori. Bambini scomparsi e casi di traffico di esseri umani, secondo quanto denunciano, al quotidiano britannico Guardian, le associazioni umanitarie presenti sul posto. I volontari raccontano anche casi di sfruttamento ed estorsioni.  

BAMBINI SCOMPARSI  Nella situazione di caos che sta caratterizzando la crisi dei rifugiati lungo i confini dell’Ucraina, succede di tutto. Non ci sono solo casi di razzismo ma anche violazioni dei più basilari diritti umani. Karolina Wierzbińska, coordinatrice di Homo Faber, un’organizzazione per i diritti umani con sede a Lublino, in Polonia racconta di aver visto casi di bambini mandati da soli da genitori disperati per incontrare parenti o amici oltre il confine ucraino ma arrivati senza nessuno ad aspettarli. “Questo è ovviamente estremamente angosciante, trovi bambini che vagano da soli nelle stazioni, disorientati e, nei casi peggiori, scompaiono. Questo sfortunatamente non è un caso ipotetico, è già successo”, racconta la Wierzbińska. 

DONNE MALTRATTATE E I LAVORI INESISTENTI“Stiamo anche già ricevendo racconti di casi di traffico di esseri umani. Poi ci sono donne a cui viene offerto lavoro in Polonia, salvo poi scoprire che il posto di lavoro è illegale, il datore di lavoro le maltratta o rifiuta di pagare il salario. Ci sono casi di estorsione di documenti personali o denaro”, aggiunge Karolina Wierzbińska.

L’OFFERTA DI UN PASSAGGIO
Praticamente in tutte le stazioni ferroviarie nei pressi dei valichi di frontiera poi, ci sono folle di persone, soprattutto uomini, che offrono passaggi ai rifugiati verso diverse destinazioni europee. Secondo Wierzbińska è impossibile controllare queste persone: “Direi che il 90% di questi uomini vuole davvero offrire un aiuto genuino ma nel caos totale di questi giorni non possiamo escludere che vi siano criminali in attesa di approfittare di dinne sole e vulnerabili”, ha detto. 

TRATTA DI ESSERI UMANI “Il rischio della tratta di esseri umani è notevole, poiché i profughi, stremati e privati ​​di ogni comodità di base, sono, ogni giorno in viaggio e sempre più vulnerabili”, denuncia Monika Molnárová della Caritas slovacca. “Riteniamo che i trafficanti e i reclutatori stiano probabilmente prendendo di mira sia le donne che viaggiano da sole sia quelle che viaggiano con bambini”, ha aggiunto.

DIFFICOLTA’ AD IDENTIFICARE I BAMBINI NON ACCOMPAGNATI Un portavoce delle Nazioni Unite poi, ha spiegato che l’apertura totale dei confini, da applaudire vista la situazione di estrema emergenza, “rende incredibilmente difficile identificare i bambini non accompagnati e separati” a causa della “vastità del numero di persone che stanno arrivando” e della difficoltà, appunto, di controllare e identificare le persone. 

14 Dicembre 2021 – Redazione Co.Te.Li

Nell’Italia di Mario Draghi , dell’emergenza Covid, delle discriminazioni e dei ricatti di Stato in nome di un presunto bene maggiore, purtroppo, finiamo per immaginare nuove sorprese dietro l’angolo, a scapito del popolo. E così ha finito per passare in secondo piano anche un passaggio, in realtà, per niente banale: IL CONTENUTO DELLA LEGGE NUMERO 206 DEL 26 NOVEMBRE 2021.

A seguire il testo pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale che contiente, tra le altre cose, “misure urgenti di razionalizzazione dei procedimenti in materia di diritti delle persone e delle famiglie”.

ECCO IL TESTO. CLICCA SUL LINK ⤵️⤵️⤵️

https://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2021-12-09&atto.codiceRedazionale=21G00229&elenco30giorni=false

Scorrendo fino all’articolo 27, ecco emergere modifiche introdotte dalla legge all’articolo 403 del codice civile e che hanno subito messo in allarme le famiglie italiane, con gli utenti a chiedersi attraverso i social il fine di questo cambiamento normativo. Il tema è quello della sottrazione del minore alla famiglia, un’eventualità prevista ora “quando il minore è moralmente o materialmente abbandonato o si trova esposto, nell’ambiente familiare, a grave pregiudizio e pericolo per la sua incolumità psico-fisica e vi è dunque emergenza di provvedere”.

Un testo che sostituisce il precedente “quando il minore è moralmente materialmente abbandonato o è allevato in locali insalubri o pericolosi, oppure da persone per negligenza, immoralità, ignoranza o per altri motivi incapaci di provvedere all’educazione di lui”. E che sta spaventando tanti utenti, convinti che dietro quel generico “pericolo per l’incolumità psico-fisica” possa nascondersi anche il rischio di sottrazione dei figli a famiglie che non si adeguano alle indicazioni in materia sanitaria. Con un’operazione, tra l’altro, dai tempi rapidissimi.

Al comma b dello stesso articolo 27 si legge infatti: “La pubblica autorità che ha adottato il provvedimento emesso ai sensi del primo comma ne dà immediato avviso orale al pubblico ministero presso il tribunale per i minorenni, nella cui circoscrizione il minore ha la sua residenza abituale; entro le ventiquattro ore successive al collocamento del minore in sicurezza, con l’allontanamento da uno o da entrambi i genitori o dai soggetti esercenti la responsabilità genitoriale, trasmette al pubblico ministero il provvedimento corredato di ogni documentazione utile e di sintetica relazione che descrive i motivi dell’intervento a tutela del minore”.

Nelle 72 ore successive è poi il pubblico ministero a chiedere la convalida del provvedimento o la revoca, dopo aver svolto eventualmente approfondimenti. Una sottrazione-lampo, dunque, che si spera venga effettivamente limitata ai casi di reale pericolo per i minori tra le mura domestiche. Qualche mamma, spaventata, si è però chiesta in rete: “E se iniziassero a prendere nota di tutti i ragazzi che si dicono figli di genitori contrari alle limitazioni introdotte dal governo durante la pandemia?”. Uno scenario decisamente inquietante.

PONIAMO FINE A TUTTO QUESTO PANDELIRIO! LA POSTA IN GIOCO È TROPPO ALTA E, I RISCHI, SEMPRE PIÙ PROSSIMI.

_________________________

[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale]

Puoi leggere anche su 👇

https://cataniacreattiva.it/sara-piu-facile-sottrarre-i-figli-ai-genitori-la-nuova-legge-spaventa-le-famiglie/

13 Dicembre 2021 – Redazione Co.Te.Li

Per sponsorizzare la campagna vaccinale dei bambini fra 5 e 11 anni, dopo aver fallito toccando il tasto della paura della malattia, si prova a convincere i genitori promettendo IL GREENPASS!

“Vaccinare subito con il farmaco pediatrico i ragazzini – si legge sul quotidiano – converrà anche per evitare che questi, compiuti i 12 anni, restino senza certificazione almeno per 15 giorni dopo la prima dose e, dunque, nell’impossibilità di accedere con le famiglie a ristoranti, bar, cinema, spettacoli, stadi per i quali anche a loro è richiesto quel Super Green Pass”

MA PROSEGUENDO NELLA LETTURA DE“LA REPUBBLICA” viene ricordato che sotto i 12 anni il certificato NON SERVE in nessuna attività, MA SI PROVA A CONVINCERE QUALCHE GENITORE CHR MAGARI SI È FERMATO SOLO AL TITOLO! (COME PURTROPPO SPESSO CAPITA!)

Ormai siamo ben oltre la propaganda e la pubblicità dei Media, pagati profumatamente per questa criminale azione di marketing! Siamo alla promessa di quella libertà che ci spetta di diritto, in cambio della tutela della salute pubblica! (CHI CI CREDE!!!).

Chi vuole vaccinarsi o vaccinare i propri figli lo faccia solo perché convinto di farlo, non perché i quotidiani, o chi per loro, pubblicizzano un siero sperimentale dai rischi incerti,e CHE MOLTI PAESI HANNO BLOCCATO IN QUESTA FASCIA DI ETÀ!!!

VI INVITO, CALDAMENTE, A LEGGERE L’ARTICOLO DE “LA REPUBBLICA” CLICCANDO SUL LINK A SEGUIRE ⤵️⤵️⤵️

https://www.repubblica.it/cronaca/2021/12/13/news/vaccini_ai_bimbi_parte_la_corsa_avranno_il_green_pass_-329971310/

________________________
Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di medici ed avvocati, formatosi con l’unico intento di collaborare per la ricerca e condivisione della Verità sui principali fatti di rilevanza sia nazionale, che europea, che mondiale]

Sono ormai settimane che, sull’onda dell’approvazione da parte della FDA e dell’EMA del vaccino Pfizer per i bambini dai 5 agli 11 anni – a cui è seguita l’approvazione, fin troppo scontata, dell’AIFA – che ci sentiamo dire dalle istituzioni italiane (AIFA e ISS in primis) che «c’è un chiaro aumento del numero di contagi» in quella fascia d’età e che, anche nei bambini piccolissimi, il Covid «può avere conseguenze gravi, che possono richiedere il ricovero in terapia intensiva». Da qui la LORO necessità di procedere il prima possibile alla vaccinazione di massa dei bambini dai 5 anni in su, per poi estendere la vaccinazione anche ai piccoli sotto ai 5 anni.

A sentire certe parole, qualunque genitore, comincerà a credere veramente che il virus abbia iniziato a prendere sotto scacco anche i bambini.

Ma di che numeri parliamo esattamente?
La risposta la troviamo nell’ultimo bollettino dell’ISS del 24 novembre, da cui apprendiamo (p. 12) che nelle ultime settimane si è evidenziata «un’impennata» – testuali parole – del tasso di ospedalizzazione nei bambini sotto ai tre anni, che è passato da 1 (un) ricovero per 100.000 abitanti a… «poco sopra i 2 [due] ricoveri per 100.000 abitanti». Nelle altre fasce d’età – 3-6 e 6-11 anni -, apprendiamo sempre dall’ISS, il tasso di ospedalizzazione è invece rimasto stabile a circa… 1 (un) ricovero per 100.000 abitanti (vedi la figura 1).

Sempre dall’ISS apprendiamo, tra l’altro, che nella fascia d’età 0-19 anni, tra i pazienti attualmente positivi, solo lo 0,20 per cento circa presenta uno stato clinico «severo», mentre nessuno dei pazienti presenta uno stato clinico «critico» (figura 2). 

In definitiva, il numero di bambini ospedalizzati sotto gli 11 anni è talmente basso che nel conteggio generale delle ospedalizzazioni dell’ISS quella fascia d’età non viene neanche calcolata: come si può vedere nella figura 3, la prima fascia d’età che viene presa in considerazione è quella che va da 12 ai 39 anni, che comunque negli ultimi 30 giorni ha registrato un totale di 23 ricoveri in terapia intensiva e 8 decessi.

E PER QUANTO RIGUARDA LA SITUAZIONE PREGRESSA? È sempre l’ISS (figura 4) a farci sapere che dall’inizio della pandemia ad oggi si è registrato, nella fascia d’età dai 6 agli 11 anni, un totale di 14 decessi (quasi tutti con patologie pregresse molto gravi), pari a un tasso di letalità – ovverosia ad una probabilità di morire in caso di contagio – pari all’incirca allo 0,004 per cento.

Possiamo presumere che oggi il rischio sia ancora più basso considerando che molti bambini avranno già contratto il Covid in maniera asintomatica e avranno dunque sviluppato un’immunità naturale al virus.

PERCHÉ PUNTARE, QUINDI, SULLA VACCINAZIONE DEI BAMBINI?
I dati presentati, secondo voi, sono sufficienti a giustificare la campagna invasiva, ossessiva sui rischi che il Covid comporterebbe per i bambini?

Purtroppo il sistema politico-mediatico ha capito che il martellamento quotidiano, basato sulla comunicazione del terrore, è la chiave di volta per convincere i cittadini ad accettare un’enclave di governanti satanassi, che ha fatto della manipolazione e della bugia il fulcro della loro politica. Non finiremo mai di invitare le persone ad allontanarsi dalla comunicazione di regime. Rifiutiamo tutto ciò che è imposto, e torniamo ad avere una sana opinione informata, tesa ad un dibattito sereno e trasparente.

APRITE GLI OCCHI!!!

________________________
[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di medici ed avvocati, formatosi con l’unico intento di collaborare per la ricerca e condivisione della Verità sui principali fatti di rilevanza sia nazionale, che europea, che mondiale]

Puoi leggere anche su 👇

https://cataniacreattiva.it/covid-e-bambini-lultimo-bollettino-delliss-smentisce-la-comunicazione-di-regime/

19 novembre 2021 – di Monica Tomasello – Redazione Co.Te.L.I.

Adesso vogliono far vaccinare i bambini a partire dai cinque anni d’età… Ma, dico io…, PERCHÉ? Perché mettere a rischio la salute dei più piccoli?

I bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni corrono, infatti, rischi estremamente bassi di ospedalizzazione, morte o contrazione grave del Covid. A fronte di questi limitatissimi rischi restano invece alti quelli per reazioni avverse.

Posto che è ormai ampiamente dimostrato, anche dai fautori della vaccinazione, che gli attuali vaccini anti Covid non prevengono affatto la trasmissione del virus, e che quindi il “sacrificio” dei nostri figli non ha alcun senso ai fini del controllo sul contagio, ci si chiede, in ogni caso, dove sia l’etica nella decisione di proteggere anziani e adulti facendo correre rischi gravi ai minori!

Inoltre, anche dagli studi delle case farmaceutiche e degli stessi enti regolatori non sappiamo nulla dei pericoli sul medio e lungo periodo, mentre sono già state riscontrate numerose miocarditi e pericarditi in giovani vaccinati e che, prima dell’inoculazione, erano perfettamente sani…

A tal proposito voglio condividere con Voi le parole di Carlo D’Angiò, da lui stesso pubblicate su Facebook:

Il siero non è mai stato una soluzione, ma sempre e solo un grosso problema. Tuttavia, quando era pensato per i bambini, nella logica perversa di chi legiferava al riguardo, c’era comunque una retorica (finta) costruita per loro. 

Esempio: usiamo il siero per proteggerli dal morbillo, dalla pertosse, dal tetano e così via. 

Il siero veniva presentato come una protezione per i bambini, anche se non ha mai realmente protetto nessuno. Perché almeno a livello di narrazione, pur fingendo di agire nel loro bene, le regole del vivere civico e dell’etica imponevano la tutela dei bambini prima di ogni altra cosa.

Il sentire comune è che per i bambini si fa di tutto. I bambini vanno salvati sempre e prima di ogni altra persona. A costo della vita di un adulto. Perché sono bambini, perché sono i nostri figli, perché sono il futuro.

Oggi, invece, abbiamo ribaltato le più elementari regole dell’etica. Tra Burioni e Fazio, e con loro tutti quelli del partito vacci-nazista, siamo arrivati al punto di prospettare – senza vergogna – una nuova finestra di Overton: quella secondo cui i bambini vanno sacrificati prima degli altri, perché sono untori e possono contagiare gli anziani.

Loro, i bambini, se lo mangiano a colazione il coronavirus, lo masticano e poi lo sputano (o lo cagano), senza neanche accorgersene. Fossimo in una società fatta solo di bambini, il coronavirus se ne poteva tornare tranquillamente nella provetta da cui è uscito. 

Ma non siamo in una società fatta solo di bambini. Ci sono anche gli adulti. Ci sono anche gli anziani. Ed è per questo che un esercito di covidioti li costringe – i bambini – a tenere una mascherina permanente, a perdersi gran parte dell’aria che respirano e dell’infanzia o della giovinezza che dovrebbero vivere, giocando con i loro amici.

Ora, si vuole inoculare nei loro corpicini un siero genico che ha già ampiamente dimostrato di essere nocivo e mortale a livelli incredibili. Avremmo quindi una serie di bambini danneggiati o uccisi da un siero che viene loro iniettato per proteggere… gli altri?

Sia chiaro, ho perso mia madre pochi giorni fa, ed era una persona anziana. Mio padre è una persona anziana, ancora più anziana di mia madre. Dal mio punto di vista dobbiamo proteggere gli anziani con tutte le risorse che abbiamo.

Ma credo che forse ci stava sfuggendo di mano questa piccola cosa: stiamo cioè sacrificando i bambini per proteggere i vecchi?

È così che deve andare? È questa roba qui che cercate di giustificare in nome della scienza?

80 11 40

Il siero non è mai stato una soluzione, ma sempre e solo un grosso problema. Tuttavia, quando era pensato per i bambini, nella logica perversa di chi legiferava al riguardo, c’era comunque una retorica (finta) costruita per loro.

Esempio: usiamo il siero per proteggerli dal morbillo, dalla pertosse, dal tetano e così via.

Il siero veniva presentato come una protezione per i bambini, anche se non ha mai realmente protetto nessuno. Perché almeno a livello di narrazione, pur fingendo di agire nel loro bene, le regole del vivere civico e dell’etica imponevano la tutela dei bambini prima di ogni altra cosa.

Il sentire comune è che per i bambini si fa di tutto. I bambini vanno salvati sempre e prima di ogni altra persona. A costo della vita di un adulto. Perché sono bambini, perché sono i nostri figli, perché sono il futuro.

Oggi, invece, abbiamo ribaltato le più elementari regole dell’etica. Tra Burioni e Fazio, e con loro tutti quelli del partito vacci-nazista, siamo arrivati al punto di prospettare – senza vergogna – una nuova finestra di Overton: quella secondo cui i bambini vanno sacrificati prima degli altri, perché sono untori e possono contagiare gli anziani.

Loro, i bambini, se lo mangiano a colazione il coronavirus, lo masticano e poi lo sputano (o lo cagano), senza neanche accorgersene. Fossimo in una società fatta solo di bambini, il coronavirus se ne poteva tornare tranquillamente nella provetta da cui è uscito.

Ma non siamo in una società fatta solo di bambini. Ci sono anche gli adulti. Ci sono anche gli anziani. Ed è per questo che un esercito di covidioti li costringe – i bambini – a tenere una mascherina permanente, a perdersi gran parte dell’aria che respirano e dell’infanzia o della giovinezza che dovrebbero vivere, giocando con i loro amici.

Ora, si vuole inoculare nei loro corpicini un siero genico che ha già ampiamente dimostrato di essere nocivo e mortale a livelli incredibili. Avremmo quindi una serie di bambini danneggiati o uccisi da un siero che viene loro iniettato per proteggere… gli altri?

Sia chiaro, ho perso mia madre pochi giorni fa, ed era una persona anziana. Mio padre è una persona anziana, ancora più anziana di mia madre. Dal mio punto di vista dobbiamo proteggere gli anziani con tutte le risorse che abbiamo.

Ma credo che forse ci sta sfuggendo di mano questa piccola cosa: stiamo cioè sacrificando i bambini per proteggere i vecchi?

È così che deve andare? È questa roba qui che cercate di giustificare in nome della scienza?

(Carlo D’Angiò)

Puoi leggere anche ⤵️

https://www.mercurius5.it/2021/11/19/dossier-pfizer-conferma-esperimenti-genici-su-bimbi-di-5-anni-rischi-miocarditi-da-vaccini-pochi-dati-studieremo-poi/

18 Novembre 2021 – Redazione Co.Te.Li – Fonte: di Giuseppe Carlo Carisio ( Gospanews)

Quando circa due settimane fa negli USA la Food and Drug Administration l’autorizzazione all’uso di emergenza del vaccino antiCovid Comirnaty di Pfizer-Biontech anche per i bambini dai 5 agli 11 anni (in precedenza era già stato approvato per gli adolescenti tra 12 e 15) i media di mainstream si sono aggrappati a quel 90,7 % di efficacia per decantare la bontà della decisione.

Quelli di contro-informazione, invece, tra cui va il quotidiano Il Tempo, si sono concentrati sui pareri dei medici scettici del Comitato Consultivo FDA ma quasi nessuno è andato a leggere il documento ufficiale fornito dalla Pfizer inc – la multinazionale americana che produce il siero genico con la tedesca Biontech ma è pure partner della londinese GSK, un’altra famosa Big Pharma di vaccini – per poter ottenere quell’autorizzazione (Emergency Use Authorization).

Nelle 82 pagine del dossier da noi reperito c’è un’affermazione davvero esplosiva. E’ infatti la stessa Pfizer di fatto ad ammettere che sui bambini da 5 anni in sà sarà condotta una vera sperimentazione genica poiché i dati di due studi (uno condotto negli Usa e l’altro in Israele) hanno coinvolto circa 3mila bambini. Un campione in realtà molto piccolo, non sufficiente a registrare possibili eventi avversi gravi come le temute infiammazioni al cuore (la miocardite del tessuto muscolare interno o la pericardite del rivestimento esterno) così diffuse tra gli adolescenti tanto da indurre Raiwan a sospendere la seconda dose di Pfizer per i giovani e alcuni paesi scandinavi a stoppare le somministrazioni del vaccino a RNA messaggero di Moderna, tecnicamente analogo a quello di Pfizer, per il medesimo motivo ⤵️
https://www.gospanews.net/wp-content/uploads/2021/11/IMG-20211117-WA0000.jpg

Il numero di partecipanti all’attuale programma di sviluppo clinico è troppo piccolo per rilevare potenziali rischi di miocardite associati alla vaccinazione. La sicurezza a lungo termine del vaccino COVID-19 nei partecipanti di età compresa tra 5 e <12 anni sarà studiata in 5 studi di sicurezza post-autorizzazione, incluso uno studio di follow-up di 5 anni per valutare le sequele a lungo termine di miocardite/pericardite post-vaccinazione» scrive Pfizer a pagina 11 della sua relazione del 26 ottobre denominata “Briefing Document” per il Vaccines and Related Biological Products Advisory Committee (VRBPAC).

Il senso può ben essere compreso anche da un bambino di 5 anni. “FDA ci dia la sua autorizzazione all’uso di emergenza anche se mancano dati sulle reazioni avverse più pericolose, noi proseguiremo gli studi”: ovviamente grazie alle campagne di vaccinazione avviate negli Stati Uniti d’America con il consenso dei Centers of Diseases Control and Prevention, finito nell’occhio del ciclone

https://www.gospanews.net/2021/11/06/usa-scandalo-vaccini-covid-ai-bimbi-da-gsk-socia-di-pfizer-18mila-a-medico-del-comitato-cdc-che-ha-dato-ok-e-ricercatore-di-fauci/

Come riportò il quotidiano Il Tempo (link a fondo pagina), l’allarme sugli scarsi dati per i rischi miocarditi fu confermato da Leslie Ball, un ufficiale medico della FDA, che ha ribadito proprio questo concetto, sostenendo che gli studi non erano abbastanza ampi da raccogliere necessariamente un effetto collaterale non comune come la miocardite

Nonostante ciò FDA aveva approvato l’uso di Comirnaty per i bambini dai 5 anni in sù come in precedenza annunciato dal presidente americano in relazione ai circa 2,2 milioni di dollari ricevuti da Pfizer per la campagna elettorale presidenziale del Partito Democratico.

https://www.gospanews.net/2021/08/23/vaccino-pfizer-e-cosa-nostra-fda-verso-ok-definitivo-senza-discussione-dati-denuncia-del-british-medical-journal-incubo-ue/

Alla luce di quanto scoperto non stupisce quanto potrete leggere nel post sottostante, nonostante i dati clinici non siano ancora stati esaminati dall’European Medicines Agency per la concessione dell’uso commerciale di emergenza. Probabilmente proprio i dati austriaci potrebbero servire alla multinazionale farmaceutica americana per incrementare il volume delle statistiche sui rischi di reazioni avversi nei bambini ⤵️⤵️⤵️

https://www.gospanews.net/2021/11/16/bimbi-viennesi-vere-cavie-da-vaccini-iniezioni-anche-a-5-anni-senza-ok-ema-con-dosi-a-caso-di-pfizer/

Nelle sue “Conclusioni complessive rischio-beneficio”, sempre a pagina 11, Pfizer ha ribadito i motivi di necessità dei sieri genici

https://www.gospanews.net/2021/10/14/sars-cov-2-e-vaccini-modificano-il-dna-umano-enorme-esperimento-sulla-popolazione-studio-incubo-di-genetista-tedesco-su-science-direct/

«COVID-19 continua a essere un’infezione grave e potenzialmente fatale o pericolosa per la vita per i bambini e vi è un’esigenza medica significativa insoddisfatta nella popolazione di età compresa tra 5 e <12 anni. Due dosi primarie del vaccino BNT162b2 da 10 μg somministrate a distanza di 3 settimane in un’età compresa tra 5 e <12 anni hanno mostrato un profilo di sicurezza e tollerabilità favorevole, risposte immunitarie robuste contro tutte le varianti di preoccupazione e un’elevata VE contro il COVID-19 sintomatico in un periodo in cui la variante delta era predominante» scrivono i medici della Big Pharma.

«I database di sorveglianza della sicurezza israeliani suggeriscono che i tassi di incidenza della rara miocardite post-vaccinazione raggiungono i picchi negli individui di età compresa tra 16 e 19 anni di sesso maschile e diminuiscono negli adolescenti dai 12 ai 15 anni. Inoltre, la dose per i bambini di età compresa tra 5 e <12 anni è 1/3 della dose somministrata ai vaccinati più anziani (10 μg contro 30 μg). Sulla base di queste informazioni, è ragionevole prevedere che i tassi di miocardite post-vaccino saranno probabilmente ancora più bassi tra 5 e <12 anni di età rispetto a quelli osservati negli adolescenti di età compresa tra 12 e 15 anni».

L’avverbio “probabilmente” è la più palese conferma di una sperimentazione genica in atto.

«Data l’esperienza post-autorizzazione e ipotizzando un’efficacia del 90% come mostrato nello studio clinico descrittivo, il numero stimato di casi COVID-19 e ricoveri associati prevenuti oltre 120 giorni per milione di bambini completamente vaccinati di età compresa tra 5 e <12 anni è ~ 33.600 e 170, rispettivamente. Al contrario, il numero di casi di miocardite post-vaccinazione (incluse miocardite, pericardite e miopericardite) previsti nello stesso periodo di tempo per milione di secondi di dosi è 21 (assumendo che i bambini di età compresa tra 5 e <12 anni sperimentino gli stessi tassi di -vaccinazione miocardite/pericardite negli adolescenti di età compresa tra 12 e 15 anni negli Stati Uniti)» aggiunge Pfizer pubblicando nella sezione 4 un grafico poco rassicurante sull’incidenza delle infiammazioni al cuore.

«Pertanto, possiamo aspettarci un numero sostanzialmente inferiore di casi di miocardite post-vaccinazione tra i 5 e <12 di età, maschi e femmine, rispetto ai ricoveri associati a COVID-19, dati gli attuali casi COVID-19 specifici per età e le stime del tasso di ospedalizzazione. La prevenzione delle potenziali sequele a lungo termine della malattia da COVID-19 e di altri impatti sulla società aumenterebbe ulteriormente il beneficio della vaccinazione per la salute pubblica. Alla luce di tutto quanto sopra, i benefici del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 per prevenire COVID-19 somministrato come dose a due dosi, 10 μg, serie primarie nei bambini di età compresa tra 5 e <12 anni superano i rischi noti o potenziali» è la conclusione dell’azienda produttrice di Comirnaty.

Ma proprio in relazione ai presunti benefici si erano espressi con scetticismo alcuni membri del Comitato FDA. 

https://www.gospanews.net/2021/09/14/per-i-giovani-piu-rischi-dal-vaccino-che-dal-covid-nuovo-studio-pubblicato-da-the-guardian/

James Hildreth, membro del comitato consultivo FDA e anche presidente del Meharry Medical College di Nashville, Tennessee, alla fine ha votato per autorizzare il vaccino, ma ha affermato che si trattava di una “decisione impegnativa”. Hildreth si è detto sorpreso di apprendere i dati della CDC (autorità sanitaria americana) secondo cui fino al 40% dei bambini in questa fascia di età è stato finora infettato dal coronavirus, il che, secondo lui, potrebbe significare che fino a 30 milioni di bambini potrebbero già avere una qualche forma di immunità negli Stati Uniti. “Mi sembra in qualche modo che stiamo vaccinando i bambini per proteggere gli adulti. Dovrebbe essere il contrario”, ha detto Hildreth.

Anche Eric Rubin, membro della Commissione consultiva FDA, e professore di immunologia alla Harvard T. H. Chan School of Public Health e al Brigham and Women’s Hospital, ha ammesso che “abbiamo deciso di votarlo con la coscienza pesante”, secondo quanto riportato dal Time. Mentre, Michael Kurilla, che dirige una divisione all’interno del National Institutes of Health, è stato l’unico membro a non votare a favore delle vaccinazioni pediatriche. Alla votazione si è astenuto, mentre tutti gli altri 17 membri hanno votato sì.

https://www.gospanews.net/2021/08/18/vaccini-covid-presto-pure-ai-neonati-diktat-di-pediatri-sip-fimp-e-medici-sponsorizzati-da-gsk-pfizer-di-gates/

sì.

«Kurilla ha espresso preoccupazione per il fatto che Pfizer-BioNTech non ha fornito dati dettagliati su ciò che accade agli anticorpi contro il virus che i bambini generano dopo essere stati vaccinati, e se questi diminuiscono come fanno negli adulti. Si è anche preoccupato della possibilità di vaccinare bambini che potrebbero essere già stati infettati naturalmente dal virus e potrebbero non aver bisogno di ulteriore protezione da un’iniezione» ha scritto ancora Il Tempo.

È importante capire quali siano i rischi reali per i bambini che contraggono il COVID, e per farlo si può citare un estratto del documento ufficiale del Board sui vaccini della Gran Bretagna (JCVI): “I sintomi che si osservano nei bambini e nei giovani, sono tipicamente lievi e poco diversi dalle altre infezioni virali respiratorie lievi che circolano ogni anno. I bambini si riprendono rapidamente da queste infezioni e, secondo molti studi, sviluppano una robusta immunità ad ampio spettro”.

MAIN SOURCES:

http://www.gospanews.net/category/wuhan-gate/

http://www.gospanews.net/category/investigazioni-dossier/corona-virus/

http://www.gospanews.net/wp-content/uploads/2021/11/download.pdf

https://www.iltempo.it/attualita/2021/11/04/news/vaccino-pfizer-bambini-quanti-anni-dosi-miocardite-anticorpi-fda-leslie-ball-medici-americani-29321370/amp/

_________________________
[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di medici ed avvocati, formatosi con l’unico intento di collaborare per la ricerca e condivisione della Verità sui principali fatti di rilevanza sia nazionale, che europea, che mondiale]

Puoi leggere anche su👇

https://cataniacreattiva.it/dossier-pfizer-conferma-esperimenti-genici-su-bimbi-di-5-anni-rischi-miocarditi-da-vaccini-pochi-dati-studieremo-poi/

Il direttore dell’Istituto Inmi Spallanzani Francesco Vaia, intervistato durante Timeline su Sky Tg24, si è espresso contro la vaccinazione anti-Covid per i bambini under 12, così come ha chiesto alle case farmaceutiche di fermarsi alla terza dose del farmaco genico sperimentale contro il Covid:

«Io dico alle industrie: ‘fermiamoci’ rispetto alla terza dose» [ndr: “dice alle industrie?”] «per la quale non dobbiamo accelerare ma pensare alla memoria immunologica e ai linfociti T, e per le popolazioni che non sono statisticamente rilevanti rispetto alla malattia non facciamo pendere la bilancia verso il rischio» poi ha aggiunto «È statisticamente irrilevante non solo il contagio ma anche la malattia nei bambini al di sotto dei 12 anni. In questo caso quindi la bilancia rischio-beneficio penderebbe tutta dalla parte del rischio. Il problema non è l’Rna che resta nell’organismo, per cui domani facciamo i bambini con la testa d’elefante, questa è un’informazione medievale che non c’entra nulla. Il problema è che comunque noi possiamo avere degli effetti collaterali. Nei bambini non c’è questo contagio così imponente e non c’è la malattia». Il direttore asserisce che «Tra i non vaccinati che si ricoverano l’età media è fra i 50-60 anni, tutte persone in quelle fasce d’età che sono i figli della nostra cattiva comunicazione, gli ‘esitanti dell’AstraZeneca’, tanto per essere chiari, che non si sono vaccinati e sono oltre due milioni».

C’è da dire che Astrazeneca non è stato proprio un toccasana come farmaco sperimentale, e non tutti, evidentemente, sono disposti a giocare alla ‘roulette russa’ per una malattia curabile, anche se si afferma il contrario: chiedere a Donald Trump, Silvio Berlusconi e Flavio Briatore, per credere. I quali, insieme a molti altri malati di Covid, non sono morti nonostante non abbiano ricevuto, a suo tempo, la “pozione magica”. C’è da dire, con molta probabilità, che non hanno atteso la degenerazione della malattia con “vigile attesa e Tachipirina”, come da protocollo indicato dal Ministero della salute, ma si sono sottoposti a terapie mirate ed efficaci. 

Giovanni Toti

Sul fronte dei nuovi dittatori nazifascisti continua a starnazzare il governatore della Liguria Giovanni Toti, la cui vicinanza a Bassetti per luogo di appartenenza (Genova) sta avendo un influsso deleterio oltre che nauseante. A seguire il suo nuovo mantra : «Estenderei l’obbligo di green pass anche ai supermercati. Non ti vuoi immunizzare? Ok, ma resti a casa. La libertà è sacra, ma non illimitata. Altrimenti perché non professare anche il diritto di passare con il rosso al semaforo?» riporta Il Corriere della Sera. Caro Toti, cosa ti hanno promesso per scaldarti così tanto?

Basta bugie. Il giochino è durato anche troppo.

FONTE: LaPEKORANERA.it

Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione(Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, supportati da un team di medici ed avvocati, formatosi con l’unico intento di collaborare per la ricerca e condivisione della Verità sui principali fatti di rilevanza sia nazionale, che europea, che mondiale]

https://cataniacreattiva.it/il-direttore-dello-spallanzani-dice-no-al-vaccino-per-i-bambini-e-alla-3-dose-inutile-far-pendere-la-bilancia-verso-il-rischio/