COMO: I pm ‘assolvono’ le Rsa. Non si può dire se gli anziani siano morti per Covid o altre patologie

13 Gennaio 2022 – Redazione (Fonte: LaPekoranera)

La Procura di Como sta inviando decine di richieste archiviazione ‘fotocopia’ alle case di riposo accusate di omicidio colposo ed epidemia colposa per  le centinaia di ospiti deceduti durante la prima ondata 

Non si può dire se le case di riposo siano o meno colpevoli della morte di decine di anziani durante la pandemia considerando che “il loro decesso non può essere direttamente correlabile con certezza assoluto al virus” perché “erano tutti di età avanzata e presentavano patologie gravi”.

Decine di archiviazioni tutte uguali

Lo scrive la Procura di Como in una delle decine di richieste di archiviazione ‘fotocopia’ per le morti nelle Rsa della provincia durante la prima ondata. Il caso specifico è quello di un uomo ospite di una di queste strutture deceduto il 18 aprile 2020 all’ospedale Valduce dove era stato ricoverato con la febbre e altri sintomi riconducibili al Covid.

In quel mese si erano registrati 23 pazienti morti rispetto a 1 e 3 nello stesso mese degli anni precedenti e 35 ospiti su  105 erano risultati positivi.

La Procura scagiona la Rsa da entrambi i reati che erano stati ipotizzati. “Difficilmente appare dimostrabile una ‘colpa di organizzazione’ da parte della struttura – si legge a proposito dell’ipotesi di omicidio colposo – perché il loro decesso non può essere direttamente correlabile con certezza assoluta al virus, in ragione delle preesistenti condizioni di decadimento dovute all’età e di salute; la compresenza di più fattori non permette di ricondurre le cause della morte al solo contagio”.

Inoltre, “assume rilevanza la condizione di eccezionalità generata dall’epidemia globale” che ha portato a un “susseguirsi di prescrizioni provenienti da differenti autorità spesso a brevissima distanza tra loro proprio nel tentativo di migliorare le direttive precedentemente impartite e di far fronte alle carenze di personale sanitario specializzato da dedicare all’emergenza, attrezzature e dispositivi di protezione”.

Non c’è il reato di epidemia colposa

Quanto all’ipotesi di epidemia colposa,  il ragionamento è quello già letto in analoghe archiviazioni in tutta Italia. Poiché questo è un tipo di reato in cui la giurisprudenza dice con costanza da anni che “non è configurabile la responsabilità a titolo di omissione” non si  possono configurare delle responsabilità delle rsa nel non avere posto in essere atti che invece avrebbero dovuto compiere.

______________________
[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia MC Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale]

Esplode un nuovo Pfizergate: “Oltre 1.200 decessi mai dichiarati al termine delle sperimentazioni”

18 Dicembre 2021 – Redazione Co.Te.Li

Proprio nei giorni in cui è stato annunciato l’imminente arrivo delle cosiddette “pillole anti-Covid” prodotte da Pfizer, il colosso del settore farmaceutico, che più di tutti si è arricchito con l’esplosione dell’emergenza Covid, ecco scoppiare l’ennesimo scandalo che vede coinvolta proprio l’azienda americana, accusata ancora una volta di poca trasparenza nel rendere noti al mondo i dati relativi alle sperimentazioni effettuate.


Guido Rasi, ex direttore esecutivo dell’Agenzia europea del Farmaco (Ema) e consulente del commissario all’emergenza Francesco Paolo Figliuolo, ha annunciato ai microfoni di Sky Tg24:


Probabilmente le pillole per curare il Covid saranno disponibili in Italia da gennaio. L’Ema ha dato il via libera, il farmaco della Pfizer sembra molto utile rispetto al molnupiravir. Arriverà a giorni il via libera e la disponibilità ai primi di gennaio, probabilmente”.
Tutto pronto, quindi, per un nuovo e sostanzioso business. Nel quale si è prontamente tuffata una multinazionale che, però, in questi giorni è finita nuovamente nel mirino.


A chiamare in causa Pfizer è Trial Site News digital media che si occupa al 100% della trasparenza dei trial clinici e della ricerca clinica in tutto il mondo, che ha pubblicato un’inchiesta firmata da Sonia Elijah che svela l’esistenza di “documenti Pfizer altamente riservati, sinonimo dell’estrema mancanza di trasparenza avallata dal comportamento delle agenzie governative negli ultimi 20 mesi”. Dossier sui quali il mondo della scienza si interroga da tempo, relativi alle sperimentazioni dei vaccini dell’azienda americana e per i quali, a fine agosto, è stata presentata una richiesta di accesso ufficiale.


Oltre 30 scienziati e accademici hanno, infatti, intoltrato all’FDA (l’agenzia del farmaco americana) una domanda per visionare i documenti che hanno portato al via libera per il vaccino Pfizer, finito poi sui mercati di tutto il mondo con lautissimi guadagni per l’azienda che lo produce. Con fatica, il gruppo di esperti, sta riuscendo a rendere note le pagine ufficiali di quei dossier, per quanto vengano rese note con estrema lentezza, per poi renderle pubbliche. A far discutere è soprattutto il report di 38 pagine intitolato “Analisi cumulativa dei rapporti di eventi avversi post-autorizzazione di PF-07302048 (BNT162B2) ricevuti fino al 28 febbraio 2021”, basato su dati provenienti da vari Paesi del mondo (Italia compresa).


Tra i dati emersi, dopo aver esaminato i documenti, secondo Trial Site News, a preoccupare sarebbero le informazioni parziali fornite al mondo e 1.228 decessi registrati entro tre mesi dall’assunzione del vaccino, mai resi noti. Il tutto a conferma della poca trasparenza, durante un trial in cui non è nemmeno stato comunicato il genere dei partecipanti.


Per tutte le tipologie di eventi avversi riscontrati, inoltre, sarebbe emerso come le donne siano mediamente 3 volte più colpite rispetto agli uomini, in particolare per quanto riguarda le reazioni allergiche. 


Allo stesso modo, Trial Site News evidenzia come dall’analisi originale presentata alla FDA per ottenere il via libera sarebbero stati esclusi i dati sui rischi durante la gravidanza e allattamento. Numeri, che “sottolineano 413 casi avversi di cui 84 classificati come gravi” e che sembrano in nettro contrasto con l’analisi ottimista di Pfizer, che aveva affermato di non aver riscontrato pericoli per neo-mamme e future mamme.

FONTI: ➡️➡️➡️https://www.transparimed.org/amp/pfizergate

➡️https://bit.ly/33zvszz

________________________

[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale]

Puoi leggere anche su 👇

32.649 decessi 3.003.296 danneggiati nel database europeo degli eventi avversi. I giovani sani i più colpiti.

16 Dicembre 2021 – Redazione Co.Te.Li – Fonte: Eventi Avversi

La banca dati dell’Unione europea delle segnalazioni di sospette reazioni ai farmaci è EudraVigilance e ora riporta 32.649 decessi e 3.003.296 feriti a seguito di vaccini COVID-19.

Questo database gestito da EudraVigilance è solo per i paesi europei che fanno parte dell’Unione europea (UE), che comprende 27 paesi.

Il numero totale di paesi in Europa è molto più alto, quasi il doppio, contandone circa 50. 

Quindi, per quanto alti siano questi numeri, NON riflettono tutta l’Europa. Il numero effettivo in Europa di morti o danneggiati a seguito di vaccini COVID-19 è molto più alto di quello che stiamo riportando qui.

Il database EudraVigilance riporta che fino al 4 dicembre 2021 ci sono 32.649 morti e 3.003.296 danneggiati segnalati a seguito di somministrazioni dei quattro vaccini sperimentali COVID-19:⤵️

1)https://dap.ema.europa.eu/analytics/saw.dll?PortalPages&PortalPath=%2Fshared%2FPHV%20DAP%2F_portal%2FDAP&Action=Navigate&P0=1&P1=eq&P2=%22Line%20Listing%20Objects%22.%22Substance%20High%20Level%20Code%22&P3=1+40983312

2)https://dap.ema.europa.eu/analytics/saw.dll?PortalPages&PortalPath=%2Fshared%2FPHV%20DAP%2F_portal%2FDAP&Action=Navigate&P0=1&P1=eq&P2=%22Line%20Listing%20Objects%22.%22Substance%20High%20Level%20Code%22&P3=1+42325700

3)https://dap.ema.europa.eu/analytics/saw.dll?PortalPages&PortalPath=%2Fshared%2FPHV%20DAP%2F_portal%2FDAP&Action=Navigate&P0=1&P1=eq&P2=%22Line%20Listing%20Objects%22.%22Substance%20High%20Level%20Code%22&P3=1+40995439

4)https://dap.ema.europa.eu/analyticsSOAP/saw.dll?PortalPages&PortalPath=%2Fshared%2FPHV%20DAP%2F_portal%2FDAP&Action=Navigate&P0=1&P1=eq&P2=%22Line%20Listing%20Objects%22.%22Substance%20High%20Level%20Code%22&P3=1+42287887

Sul totale degli infortuni registrati, quasi la metà di essi (1.409.643) sono gravi.

Gravità fornisce informazioni sul sospetto effetto indesiderato; può essere classificato come “grave” se corrisponde a un evento medico che provoca la morte,è pericoloso per la vita, richiede il ricovero ospedaliero, provoca un’altra condizione importante dal punto di vista medico o il prolungamento del ricovero esistente, provoca disabilità o incapacità persistenti o significative, o è un’anomalia congenita / difetto alla nascita”.

Di seguito i rapporti per ciascuno dei quattro vaccini covid-19 .

Ecco i dati riepilogativi fino al 4 dicembre 2021.

Reazioni totali per il vaccino mRNATozinameran (codice BNT162b2,Comirnaty) da BioNTechPfizer: 15.061 decessi e 1.399.513 danneggiati al 04/12/2021

  • 38.170 Disturbi del sangue e del sistema linfatico, inclusi 217 decessi
  • 43.454 Disturbi cardiaci inclusi 2.204 decessi
  • 404 Malattie congenite, familiari e genetiche inclusi 38 decessi
  • 18.886 Disturbi dell’orecchio e del labirinto, inclusi 10 decessi
  • 1.330 Disturbi endocrini inclusi 5 decessi
  • 21.574 Disturbi oculari inclusi 35 decessi
  • 115.450 Disturbi gastrointestinali inclusi 602 decessi
  • 354.635 Disturbi generali e condizioni del sito di somministrazione, inclusi 4.251 decessi
  • 1.589 disturbi epatobiliari inclusi 78 decessi
  • 15.371 Disturbi del sistema immunitario inclusi 77 decessi
  • 57.255 Infezioni e infestazioni incluse 1.605 decessi
  • 22.928 Lesioni, avvelenamento e complicazioni procedurali inclusi 261 decessi
  • 34.691 Indagini incluse 464 morti
  • 9.568 Metabolismo e disturbi della nutrizione, inclusi 256 decessi
  • 172.420 Disturbi muscoloscheletrici e del tessuto connettivo, inclusi 187 decessi
  • 1.254 Neoplasie benigne, maligne e non specificate (incluse cisti e polipi) inclusi 122 decessi
  • 236.435 Disturbi del sistema nervoso inclusi 1.609 decessi
  • 2.000 Gravidanza, puerperio e condizioni perinatali inclusi 60 decessi
  • 215 Problemi relativi ai prodotti, inclusi 3 decessi
  • 25.493 Disturbi psichiatrici inclusi 182 decessi
  • 4.981 Disturbi renali e urinari inclusi 236 decessi
  • 49.076 Disturbi del sistema riproduttivo e del seno, inclusi 5 decessi
  • 60.177 Disturbi respiratori, toracici e mediastinici, inclusi 1.664 decessi
  • 65.710 Disturbi della pelle e del tessuto sottocutaneo, inclusi 128 decessi
  • 3.007 Circostanze sociali inclusi 19 decessi
  • 7.280 procedure chirurgiche e mediche, inclusi 90 decessi
  • 36.160 Disturbi vascolari inclusi 653 decessi

Reazioni totali per il vaccino mRNA mRNA-1273(CX-024414) da Moderna: 9.084 decessi e 409.189 danneggiati al 04/12/2021

  • 8.678 Disturbi del sangue e del sistema linfatico, inclusi 102 decessi
  • 13.650 Disturbi cardiaci inclusi 953 decessi
  • 166 Malattie congenite, familiari e genetiche, inclusi 7 decessi
  • 4.940 Disturbi dell’orecchio e del labirinto inclusi 4 decessi
  • 373 Disturbi endocrini inclusi 4 decessi
  • 5.992 Disturbi oculari inclusi 31 decessi
  • 33.407 Disturbi gastrointestinali inclusi 339 decessi
  • 109.178 Disturbi generali e condizioni del sito di somministrazione, inclusi 3.117 decessi
  • 673 Disturbi epatobiliari inclusi 44 decessi
  • 4.054 Disturbi del sistema immunitario inclusi 16 decessi
  • 15.636 Infezioni e infestazioni incluse 849 morti
  • 8.535 Lesioni, avvelenamento e complicazioni procedurali, inclusi 172 decessi
  • 8.001 Indagini incluse 211 morti
  • 3.893 Metabolismo e disturbi dell’alimentazione inclusi 220 decessi
  • 49.233 Disturbi muscoloscheletrici e del tessuto connettivo, inclusi 184 decessi
  • 568 Neoplasie benigne, maligne e non specificate (incluse cisti e polipi) inclusi 74 decessi
  • 68.948 Disturbi del sistema nervoso inclusi 870 decessi
  • 754 Gravidanza, puerperio e condizioni perinatali inclusi 6 decessi
  • 82 Problemi relativi ai prodotti, inclusi 2 decessi
  • 7.472 Disturbi psichiatrici inclusi 149 decessi
  • 2.398 Disturbi renali e urinari inclusi 174 decessi
  • 8.859 Disturbi del sistema riproduttivo e del seno, inclusi 7 decessi
  • 18.183 Malattie respiratorie, toraciche e mediastiniche, inclusi 975 decessi
  • 21.946 Disturbi della pelle e del tessuto sottocutaneo, inclusi 82 decessi
  • 1.872 Circostanze sociali inclusi 39 decessi
  • 1.642 Procedure chirurgiche e mediche, inclusi 115 decessi
  • 10.056 Disturbi vascolari inclusi 338 decessi

Reazioni totali per il vaccino AZD1222/ VAXZEVRIA (CHADOX1 NCOV-19) da Oxford/ AstraZeneca: 6.515 decessi e 1.088.775 danneggiati al 04/12/2021

  • 13.292 Disturbi del sangue e del sistema linfatico, inclusi 254 decessi
  • 19.523 Disturbi cardiaci inclusi 720 decessi
  • 203 Malattie congenite familiari e genetiche con 7 decessi
  • 12.845 Disturbi dell’orecchio e del labirinto inclusi 4 decessi
  • 619 Disturbi endocrini inclusi 4 decessi
  • 19.170 Disturbi oculari inclusi 29 decessi
  • 103.368 Disturbi mai di gastrointestinali inclusi 340 decessi
  • 286.356 Disturbi generali e condizioni del sito di somministrazione, inclusi 1.544 decessi
  • 971 Disturbi epatobiliari inclusi 62 decessi
  • 4.99 Disturbi del sistema immunitario inclusi 30 decessi
  • 33.416 Infezioni e infestazioni incluse 441 decessi
  • 12.583 Avvelenamento da lesioni e complicazioni procedurali, inclusi 180 decessi
  • 23.958 Indagini incluse 159 morti
  • 12.472 Metabolismo e disturbi della nutrizione inclusi 96 decessi
  • 161.308 Disturbi muscoloscheletrici e del tessuto connettivo, inclusi 114 decessi
  • 650 Neoplasie benigne maligne e non specificate (incluse cisti e polipi) inclusi 25 decessi
  • 223.680 Disturbi del sistema nervoso inclusi 1.007 decessi
  • 533 Puerperio in gravidanza e condizioni perinatali inclusi 14 decessi
  • 191 Problemi di prodotto incluso 1 decesso
  • 20.150 disturbi psichiatrici inclusi 60 decessi
  • 4.093 Disturbi renali e urinari inclusi 63 decessi
  • 15.594 Disturbi del sistema riproduttivo e del seno inclusi 2 decessi
  • 38.722 Disturbi respiratori toracici e mediastinici inclusi 817 decessi
  • 49.877 Disturbi della pelle e del tessuto sottocutaneo, inclusi 53 decessi
  • 1.533 Circostanze sociali inclusi 6 decessi
  • 1.499 procedure chirurgiche e mediche, inclusi 26 decessi
  • 27.179 Disturbi vascolari inclusi 457 decessi

Reazioni totali per il vaccino COVID-19 JANSSEN (AD26. COV2. S) da Johnson & Johnson: 1.989 morti e 105.819 danneggiati al 04/12/2021

  • 1.029 Disturbi del sangue e del sistema linfatico, inclusi 41 decessi
  • 1.952 Disturbi cardiaci inclusi 169 decessi
  • 36 Malattie congenite, familiari e genetiche
  • 1.080 Disturbi dell’orecchio e del labirinto inclusi 2 decessi
  • 72 Disturbi endocrini incluso 1 decesso
  • 1.415 Disturbi oculari inclusi 7 decessi
  • 8.743 Disturbi gastrointestinali inclusi 80 decessi
  • 27.925 Disturbi generali e condizioni del sito di somministrazione, inclusi 533 decessi
  • 130 Disturbi epatobiliari inclusi 11 decessi
  • 473 Disturbi del sistema immunitario inclusi 9 decessi
  • 4.676 Infezioni e infestazioni incluse 157 decessi
  • 974 Lesioni, avvelenamento e complicazioni procedurali inclusi 20 decessi
  • 4.927 Indagini incluse 111 morti
  • 664 Metabolismo e disturbi della nutrizione inclusi 50 decessi
  • 15.331 Disturbi muscoloscheletrici e del tessuto connettivo, inclusi 45 decessi
  • 59 Neoplasie benigne, maligne e non specificate (incluse cisti e polipi) inclusi 4 decessi
  • 20.725 Disturbi del sistema nervoso inclusi 219 decessi
  • 43 Gravidanza, puerperio e condizioni perinatali incl. 1 decesso
  • 32 Problemi relativi al prodotto
  • 1.479 Disturbi psichiatrici inclusi 17 decessi
  • 443 Disturbi renali e urinari inclusi 26 decessi
  • 2.249 Disturbi del sistema riproduttivo e del seno, inclusi 6 decessi
  • 3.799 Disturbi respiratori, toracici e mediastinici inclusi 259 decessi
  • 3.241 Disturbi della pelle e del tessuto sottocutaneo, inclusi 8 decessi
  • 337 Circostanze sociali inclusi 4 decessi
  • 718 Procedure chirurgiche e mediche, inclusi 58 decessi
  • 3.267 Disturbi vascolari inclusi 151 decessi

________________________
[Questo video-articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale]

Puoi leggere anche su 👇