La sopravvissuta ebrea ai campi di concentramento, dice la sua su quello che sta accadendo

Fonte: Riccardo Paccosi.

Questa testimonianza, di cui esiste un video su you tube, la dedichiamo, innanzitutto agli ipocriti che, dopo aver per 15 mesi dato del negazionista – e quindi del nazista – a chiunque esprimesse un dissenso sulla gestione della pandemia, adesso si mettono a starnazzare come oche perché qualcuno fa notare l’analogia giuridica tra Green Pass e leggi razziali.
Vera Shavad, ebrea e attivista politica contro gli abusi in ambito medico-sanitario, è sopravvissuta da bambina a un campo di concentramento nazista: ebbene, non soltanto dice che la situazione attuale presenta enormi similarità con allora ma afferma anche che il nuovo totalitarismo biosecuritario è, in prospettiva, ancora più pericoloso del nazismo tedesco.
Inoltre, l’anziana attivista dice cose molto interessanti su Klaus Schwab.

“Le leggi di esclusione impedivano alla famiglia di partecipare alle attività normali. I nostri beni sono stati confiscati, ci è stato proibito di partecipare a tutti gli eventi scolastici, religiosi e culturali. I viaggi erano vietati agli ebrei.” (ricorda qualcosa?)

“Ciò che distingue l’Olocausto da tutti gli altri genocidi di massa è il ruolo centrale che ha avuto l’establishment medico, l’intero establishment medico. Ogni passo del processo omicida è stato approvato dall’establishment medico accademico e professionale. I professionisti della medicina e le rispettabili società e istituzioni mediche danno un’apparenza di legittimità all’assassinio di massa dei civili.”

“Le aziende che hanno tratto profitto dall’Olocausto includono Standard Oil e Chase Manhattan, entrambe di proprietà dei Rockefeller, IBM, Kodak, Ford, Coca-Cola, Nestle, BMW e naturalmente IG Farben e Bayer.”

“Oggi, si tratta di andare oltre Hitler.
Hitler guardava solo all’Europa e alla conquista della Russia, ma non pensava in modo globale. Questo è globale.”

“Il problema non è il virus, il problema è l’eugenetica. Non è mai scomparsa, e questa classe, le élite, credono davvero di essere superuomini e che noi siamo tutti subumani. Ci sono persone che sono assolutamente malvagie. Non riconoscono la specie umana come tale. Una volta avviato questo sistema a due livelli, non sarete in grado di impedire un olocausto globale.”

Vedete e ascoltate il video su YouTube: Le radici del male ( in conversazione con Vera Shavaz)

Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione(Co.Te.L.In.), di cui fa parte anche Catania CreAttiva, e che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, fra cui Mercurius5 ed “Il Re è Nudo” , supportati da un team di medici ed avvocati, formatosi con l’unico intento di collaborare per la ricerca e condivisione della Verità sui principali fatti di rilevanza sia nazionale, che europea, che mondiale]

Puoi leggere questo articolo anche su:

https://cataniacreattiva.it/la-sopravvissuta-ebrea-ai-campi-di-concentramento-dice-la-sua-su-quello-che-sta-accadendo/

STORIA DELLA DOMINAZIONE DI MASSA

di Marzia MC Chiocchi

Era gia’ tutto previsto. Gli “Illuminati” sopravvissuti alla seconda guerra mondiale e coloro che, alcuni decenni dopo, avrebbero saputo ben interpretare la storia del 1900, non potevano non tener conto che, le scorie della follia umana alimentata da uomini immondi e malati di mente, colpevoli dello sterminio di milioni di uomini nei campi di concentramento, sarebbero ricadute sulla terra sottoforma di eventi nefasti. E cosi, nel 2020, anno non scelto a caso, secondo calcoli chirurgici ben precisi, si diffonde una “pandemia” dai contorni inquietanti non solo per i risvolti sanitari, ma sopratutto per la gestione di una politica volutamente negletta e deplorevole, uniformata e globalizzata in un unico progetto…dominare i popoli insinuando la paura, fino allo stremo tentativo di anestetizzare le menti pensanti. Cio’ che sta accadendo, tolta la parte di innegabile verita’, e’ a dir poco paradossale. Con modi e strategie, apparentemente  meno violenti, ma in realta’ sempre molto invasivi, si sta ripresentando una forma di dittatura che pensavamo superata. La sua rinascita dalle proprie ceneri si sta manifestando con un parterre di azioni adeguate ai tempi senza, pero’, cambiare nella sostanza. Lo scopo, ha alla base il tentativo di togliere la liberta’ con raffinata strategia, in nome di un’attenzione e di un bene che, raramente e per brevissimi periodi di lucidita’, i politici poltronari hanno manifestato nei confronti dei loro popoli.

Per addentrarci nell’argomento partiamo da lontano. L’UE, esattamente 20 anni fa, ha portato a compimento “IL PROGETTO” di una classe oligarchica, assetata di denaro e potere, priva di qualsiasi fondamento etico e morale, avvolta nel mantello della piu’ astuta massoneria, da sempre a caccia di soluzioni di estrema misantropia sopratutto nei confronti della classe media. Inizialmente lo ha fatto in maniera indolore, instillando nella societa’ europea, con strumenti e strategie che il poeta latino Giovenale avrebbe definito PANEM E CIRCENSES, quel veleno chiamato globalizzazione che, goccia dopo goccia, ha portato buona parte delle masse ad una confusione cerebrale quasi irreversibile. Ma la Storia che ha decretato il declino della coscienza critica, comincia molto, ma molto tempo prima.

Sul finire del 1800, a modificare radicalmente e per sempre l’assetto socio-economico dell’Occidente e’ la Rivoluzione Industriale, che determina la nascita di agglomerati urbani di case popolari, intorno alle fabbriche, alle prime ferrovie, e alle officine, dove le masse cominciano a vivere abbrutite da condizioni sempre più disagiate e da uno stile di vita ai limiti della sopravvivenza, formando quelle che oggi definiamo “periferie urbane”. Questi cambiamenti pongono le basi per lo sviluppo della societa’ di massa, modificando costumi, cultura, organizzazione politica, rapporti individuali, sociali e internazionali. L’ antropologo francese Gustave Le Bon analizza questo terremoto collettivo e, nel 1895, scrive una dei trattati di analisi sociale piu’ importanti ed influenti al mondo “Psicologia delle folle”, studiato e preso in esame da personaggi come Hitler, Roosevelt, Lenin e da Mussolini. Il testo, rappresenta l’analisi universalmente riconosciuta come piu’ autorevole ed esauriente dei comportamenti delle masse e dei meccanismi psicologici che le rendono prevedibili e, quindi, manipolabili. La crescita esponenziale della coscienza di massa all’indomani della rivoluzione industriale creo’ scompiglio tra le elites, i politici e gli intellettuali, preoccupati che la nuova societa’ potesse rappresentare un serio pericolo per i loro piani strategici, in seguito alle prime rivendicazioni per lo scarso salario, le troppe ore di lavoro e la assente tutela sanitaria. Le Bon definisce la massa una folla dedita all’azione piuttosto che al ragionamento, che rivendica diritti mettendo in discussione i privilegi e gli status dei potenti. La guida della societa’ occidentale, da parte delle aristocrazie, stava per essere minata da quella folla definita da Le Bon, incivile, capace solo di distruggere e generare caos, per la conquista dei diritti e dell’uguaglianza. Le Bon, prefigura il più ampio concetto di massa e si concentra sugli strumenti utili e indispensabili per la sua manipolazione, fornendo ai totalitarismi del XX secolo un’importante serbatoio di idee.

I SEGUACI DI LE BON

Furono molti i leader politici che apprezzarono le idee di Le Bon, ed in particolare i capi nazisti e fascisti tra cui Hitler e Mussolini, che dichiararono di aver letto piu’ volte il saggio del sociologo francese. Ma scopriremo, e per alcuni non sarà una sorpresa, che ancora oggi il vademecum (come lo definisco io), e’ un evergreen sulle librerie e scrivanie dei piu’ importanti esponenti politici. L’epoca di fine 1800 stava costituendo uno dei momenti di piu’ grande trasformazione del pensiero umano, dovuta alla creazione di condizioni sociali dettate dallo sviluppo industriale e dalla nascita della classe operaia. Le Bon aveva capito che da quel momento le elites e gli uomini di potere avrebbero dovuto fare i conti e rapportarsi con una nuova realta’ “La potenza delle folle”. Partendo dall’approccio delle patologie mentali, Le Bon utilizzo’ i concetti di contagio e suggestione per spiegare i meccanismi che portano la folla alla reazione emotiva e istintuale, sentimenti che, d’altro canto, rappresentano anche predisposizioni umane.

GLI STRALCI DEL TESTO

Dal punto di vista psicologico l’espressione folla assume un significato di agglomerato umano con caratteri nuovi rispetto a quelli di cui si compongono i singoli individui. La personalita’ singola e cosciente si annulla, proiettando i sentimenti e le idee verso una stessa direzione e forma pensiero”.

Ha origine l’anima collettiva, passeggera ma con caratteri precisi che costituiscono la folla psicologica, racchiusa in un solo essere e sottomessa all’unita’ mentale delle folle. Ma il leader politico potra’ avere il controllo assoluto se fa leva sull’approccio del contagio mentale, con la promozione di atteggiamenti, pensieri e orientamenti da ricollegare ai fenomeni di ordine ipnotico. Cosi facendo, all’interno della folla scatta un meccanismo che sacrifica i valori personali in favore del collettivo, per mancanza di coraggio non sentendosi protetto dalla massa. (Es: Io non vorrei, ma lo fanno tutti! Non posso andare contro gli altri! Poi rimarrei isolato! Lo faccio e basta!).

Tutto questo e’ da ricondurre a fenomeni di ordine ipnotico. Con il saggio di Le Bon del 1895, le generazioni future compresero come i governi e i potenti della terra avevano e avrebbero manipolato le masse a loro piacimento, facendo capitolare in uno stato ipnotico i piu deboli. Cosi, gli uomini sono in trappola, paralizzano il loro cervello, diventando schiavi di tutte le attivita’ indotte dall’ipnotizzatore. Essi,non sono piu’ se stessi, diventano automi, incapaci e impotenti.

Ecco altri stralci significativi e inquietanti, del saggio di Le Bon.

“ Gli uomini di Stato chiamati a difendere una causa politica qualunque, gli industriali che diffondono i loro prodotti con annunci, conoscono il valore dell’affermazione. Quest’ultima non acquista reale influenza se non a condizione di essere costantemente ripetuta e il piu possibile negli stessi termini. La cosa affermata riesce a stabilirsi nelle anime a tal punto da essere accettata come una verita’ dimostrata. La cosa ripetuta finisce per attecchire in quelle ragioni profonde dell’inconscio in cui si elaborano i motivi delle nostre azioni. Dopo qualche tempo, dimenticando chi sia stato l’autore dell’affermazione ripetuta, finiamo per credervi.

Quando un’affermazione viene ripetuta si forma una corrente di opinione e, il potente meccanismo del contagio, interviene intenso quanto quello dei microbi. Molte idee, infatti, si propagano per mezzo del contagio e non del ragionamento. Dinanzi al potere del contagio l’interesse personale viene distrutto.

“Nella folla il tono emotivo e’ accentuato dai suggerimenti dei leaders, dall’uso di simboli verbali e non solo, dai gesti eccitati dei membri della folla e da altre circostanze dell’occasione. Sulla base di queste caratteristiche emotive la folla e’ facilmente guidabile”.

Lenin  Stalin, Hitler e Mussolini lessero meticolosamente l’opera di Le Bon, e, l’uso di determinate tecniche di persuasione nella loro dittatura, e’ ispirato direttamente ai suoi studi. Mussolini fu fervido ammiratore dell’opera dello psicologo francese, e i discorsi pronunciati da certi dittatori, hanno costruito un’intima comunione con la folla, evocando immagi i seducenti.

“Il moderno dittatore deve saper cogliere i desideri e le aspirazioni segrete della folla e proporsi come incarnazione di colui che e’ capace di realizzarle, quando, in realta’, non sara’ vero. Cio’ che conta non e’ riuscire a realizzare, quanto far credere che sia possibile ( Es: col vaccino si risolve tutto). L’immaginazione popolare e’ sempre stata alla base della potenza degli uomini di Stato e dei trascinatori di folle”

Le Bon non compare spesso nelle piccole e grandi enciclopedie, ma sugli scaffali degli uomini potenti si. Se analizziamo i discorsi di molti illustri politici dal 1900 ad oggi, capiamo quanto siano influenzati dalle sue teorie psicologiche.

Per comprendere come si formano le generazioni, occorre sapere come e’ stato preparato il terreno. L’insegnamento dato ai ragazzi permette di prevedere quale sara’ il destino di quel Paese, e l’educazione delle generazioni di oggi giustifica le piu’ avvilenti previsioni. Studi portati avanti con un’avvilente e malfunzionante DAD, esami di maturita’ senza uno scritto, esami universitari on line, con generosi suggerimenti da parte di chi, nascosto dallo schermo, che inquadra solo l’esaminato, L’anima delle folle migliora o si altera con l’educazione. E’ dunque necessario vedere come l’ha forgiata l’imbonitore di turno, e come la massa degli indifferenti e dei neutrali possa diventare un immenso esercito di malcontenti, pronto a seguire tutte le suggestioni dei retori.

Le Bon, quando ha scritto il trattato, non immaginava le drammatiche conseguenze di due guerre mondiali, ne’ a fine 1900, l’inquietante risorgere (politico e religioso) dei popoli medio orientali.

Frasi celebri

“Regimi democratici possono essere definiti quelli nei quali, di tanto in tanto, si da al popolo l’illusione di essere sovrano” ( Mussolini )

“ Al popolo non resta che un monosillabo per affermare ed obbedire. La sovranita’ gli viene lasciata solo quando e’ innocua o e’ reputata tale! Nei momenti di ordinaria amministrazione” ( Mussolini in “Preludio al Machiavelli” 1924).

“ Laddove manchi il consenso c’e’ la forza. Per tutti i provvedimenti anche i piu’ duri che il governo prendera’, i cittadini avranno dinanzi a loro questo dilemma: o accettare per alto spirito di patriottismo o subirli”  ( Mussolini in risposta al ministro delle finanze 1923 )

“La disciplina deve essere accettata. Quando non lo e’ deve essere imposta” ( Mussolini 1922 )

Un altro saggista di fine ottocento fu Edward Louis Bernays, nipote di Sigmud Freud.  E’ considerato uno dei padri delle pubbliche relazioni di cui, nei primi del 1900, teorizzo’ le principali regole fondanti, combinando le idee di Gustare Le Bon con le teorie psicologiche dello zio. Bernays fu uno dei primi a commercializzare i metodi per utilizzare il subconscio, al fine di manipolare l’opinione pubblica. Con Bernays nasce la figura dello Spin Doctor esperto in comunicazione, consulente di leaders politici, di partiti e personaggi pubblici, gestendone l’immagine. Le sue dottrine sono state seguite, ad esempio, da Barack Obama.

Cosi Bernays scrive nel suo saggio “ L’ingegneria del consenso” (1928)

“Se capisci i meccanismi e le logiche che regolano il compotamento di un gruppo, puoi controllare e irreggimentare le masse a tuo piacimento e a loro insaputa”

Le idee di Bernays cambiarono il vecchio concetto che prevedeva:

Politica-Industria-Finanza = soddisfazione dei Bisogni 

                        In

Manipolazione dell’opinione pubblica – creazione di bisogni

Politica-Industria-Finanza = Controllo

Cinema e TV, in tutto questo processo evolutivo, hanno un potere enorme (esteso  anche a tutta l’industria dell’intrattenimento, di cui fanno parte i moderni videogiochi). Così come la musica, utilizzata in qualita’ di strumento psicologico di persuasione delle masse. In molti degli ultimi congressi PD, ad inizio e fine lavori, e’ stata utilizzata la canzone “People have the Power” di Patti Smith. Una scelta di ipocrito coraggio, se pensiamo che sono proprio i politicanti che oggi costituiscono i due rami del Parlamento, a non ascoltare i reali bisogni del popolo, applicando leggi che mettono gli uni contro gli altri. DIVIDE ET IMPERA annuncia un motto latino con cui si vuol evidenziare che la divisione, la rivalita’, e la discordia tra la gente, aiuta solo chi vuole comandare. Quando guardiamo la TV, non ci sintonizziamo per sapere cosa succede (perche’ in generale succedono sempre le stesse cose), ma per passare del tempo in compagnia del personaggio di turno. Fu Eisenstein, regista tra i piu’ influenti del cinema di inizio secolo scorso, a sostenere che gli elementi di una singola ripresa possono essere pensati in modo matematico, al fine di produrre uno shock emozionale. Ed e’ indubbio come il cinema e la TV, abbiano modificato profondamente la cultura, la percezione e la struttura mentale di miliardi di individui, trovandosi in una visione della realta’ che non e’ paragonabile a quella di chi ha vissuto senza essere esposto all’incantesimo delle immagini. E mentre un film dura 2/3 ore, la TV, continua per ore la sua opera di “rincoglionimento” (passatemi il termine) delle masse.

Ancora Bernays 

Quelli che manipolano il meccanismo nascosto della societa’ costituiscono un governo invisibile che e’ il vero potere che controlla”

“ Siamo governati, le nostre menti plasmate, i nostri gusti formati, le nostre idee quasi totalmente influenzate da uomini di cui non abbiamo mai sentito parlare. Un vasto numero di esseri umani deve cooperare in questa maniera se si vuole vivere come societa’ che funziona in modo tranquillo. In quasi tutte le fasi della nostra vita, sia in ambito politico, negli affari o nella nostra condotta sociale e morale, siamo dominati da un piccolo numero di persone che comprendono i processi mentali e i modelli di comportamento delle masse. Sono loro che tirano i fili, che controllano la mente delle persone! Coloro che hanno in mano questo meccanismo, costituiscono il vero potere esecutivo del paese”.

Ben poche femministe sanno che il diritto al fumo fino ad allora (anni 20/30), riservato agli uomini, non fu esteso affatto in seguito ad una ribellione spontanea delle donne, ma fu il risultato di un’operazione mediatica su larga scala, concepita e orchestrata dalla American Tobacco Company” su progetto di Bernays.

Sempre in quegli anni, Bernays lavoro’ con l’AMA ( Associazione Medici Americani ) per produrre ricerche scientifiche che attestassero che il fumo non era nocivo. Inoltre, per favorire i produttori di pancetta, promosse una campagna pubblicitaria con la quale si invitava a consumare la colazione con uova e bacon, come piatto ottimale per iniziare la giornata. Che poi fosse vero o meno poco importava.

Tanti sono stati gli intellettuali che hanno analizzato la potenza della comunicazione. In Italia ne ricordiamo uno tra i primi: Pier Paolo Pasolini, critico lungimirante nei confronti della TV il cui potere ipnotico futuro, sulla scelta delle masse, si sarebbe rivelato con pedanteria sopratutto negli anni ‘80, dove la percezione del bene diffuso, del rampantismo arrivista dei ceti sociali emergenti, e della Moda, decreto’ il nuovo boom economico dopo quello degli anni ‘60, il cui simbolo fu lo slogan la Milano da bere della famosa campagna pubblicitaria per l’amaro Ramazzotti, ideata da Marco Mignani nel 1985.

Pasolini scrisse che, nessun centralismo politico era riuscito a fare cio’ che avrebbe saputo realizzare, negli anni a venire, la societa’ dei consumi. Sarebbe riuscita nel suo intento, rimodellando i modelli culturali, accelerando il processo grazie alla comunicazione televisiva. Attraverso la TV il Paese Italia, con la diffusione in contemporanea delle immagini, ha conosciuto culture, realta’, tradizioni territoriali (da Nord a Sud ), fino ad allora sconosciute. All’inizio fu un mezzo per certi aspetti positivo. Colmava anche quelle distanze infrastrutturali che, nel corso degli anni ’60, iniziarono ad essere ridotte, grazie all’opera più imponente costruita nel dopoguerra: l’ Autostrada del Sole. Ma la TV e’ stata molto più incisiva, iniziando quell’opera di omologazione che, nel corso dei decenni successivi, avrebbe distrutto ogni autenticita’ e concretezza, con benestare dei troppi, prostrati verso la moderna industrializzazione con totale e stupido compiacimento. Il sistema economico aveva compreso che non poteva piu’accontentarsi di un essere umano che consuma, pretendendo che non ci fosse altra ideologia che quella del consumo. La precedente ideologia voluta e imposta dal potere era stata la religione che, con il cattolicesimo, rappresentava l’unico fenomeno che omologava gli italiani. L’adeguarsi al modello TV consumistico, avrebbe impedito, negli anni a venire e fino ai giorni nostri, l’atrofizzazione del cervello e il conseguente appiattimento delle facolta’ mentali e morali, impedendo all’essere umano di evolversi.