AGIRE SUBITO contro l’obbligo vaccinale! Come aderire al ricorso preventivo

04/09/2021 (di Redazione)

Il presidente del Consiglio Draghi prospetta di introdurre un obbligo vaccinale indiscriminato.

Questa volta, secondo l’avv. Mauro Sandri, per scongiurare il peggio, bisogna agire in via preventiva immediata, per far emergere la verità medico scientifica prima che la menzogna diventi legge.

E’ assolutamente indispensabile bloccare la possibilità di ritenere scientificamente fondata la premessa posta a base del paventato obbligo vaccinale indiscriminato.

Si tratta della menzogna che è posta a fondamento della vaccinazione di massa che, in corso lo smantellamento in sede europea, deve essere fatto dichiarare giudizialmente espressamente anche in sede interna. 

Questa l’iniziativa legale proposta dall’avv. Mauro Sandri👇👇👇👇👇

Chiunque abbia già aderito alla causa sul green pass e vaccini italiano ed europeo (https://www.santalex.eu/causa-dl-green-pass) partecipa gratuitamente a questa iniziativa.
Chi non ha aderito a tali inziative può partecipare secondo le seguenti modalità:
i costi di adesione ammontano a 100,00 euro a persona. Gli importi indicati coprono i costi di causa fino al 1° grado ed includono una quota di accantonamento, destinata a coprire gli eventuali costi di causa, anche in caso di soccombenza. L’adesione per un eventuale futuro 2° grado di giudizio sarà su base volontaria.

COME ADERIRE:

Per aderire, è necessario inviare una e-mail cliccando qui (popolo.obbligo@gmail.com) in cui indicare:

– Nome

– Cognome

– Data e Luogo di nascita

– Residenza

– Codice Fiscale

– Numero di telefono

– E-mail

 Alla stessa e-mail, bisogna allegare:

– Documento di identità (fronte e retro): 

Carta identità, carta identità elettronica, patente di guida o passaporto

– Codice fiscale/ tessera sanitaria (fronte e retro)

– il mandato, compilato e firmato – scarica qui:

Clicca qui per scaricare

Mandatoobbligovaccinale.docx

– Informativa privacy, compilata e firmata – scarica qui: Clicca qui per scaricare

– Ricevuta di pagamento

Importante: i documenti devono essere allegati ed inviati attraverso un’unica e-mail. 

Dati per il pagamento:

Bonifico SEPA (Europa senza commissioni)

Intestato a: Mauro Sandri
IBAN: IT31P0200834830000102038717
BIC/SWIFT: TRWIBEB1XXX
Nome banca: Unicredit
Causale: “(Inserire il proprio Cognome e Nome)  – Ricorso obbligo vaccinale”

ADESIONI QUI👇👇👇👇👇https://www.santalex.eu/obbligo-vaccinale

Per ulteriori chiarimenti, è importante prendere visione degli aggiornamenti dell’avv. Sandri sul canale Telegram: avv. Mauro Sandri

https://t.me/Avv_Mauro_Sandri_MODULI

Diversi video sono presenti anche su FB e Youtube.

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

[Questo iniziativa è appoggiata e condivisa dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di medici ed avvocati, formatosi con l’unico intento di collaborare per la ricerca e condivisione della Verità sui principali fatti di rilevanza sia nazionale, che europea, che mondiale]

NON E’ CONTESTABILE L’ATTESTAZIONE DI ESONERO O DIFFERIMENTO DELLA VACCINAZIONE RILASCIATA DAL MEDICO

La Redazione

Molte ASL, su indicazione del Ministero della Salute hanno istituto commissioni di valutazione dei contenuti degli attestati di differimento e/o esonero. Il pretesto è dato dall’espressione letterale della norma di riferimento, vale a dire l’art. 4 comma 2 della legge 76/2021 laddove  essa afferma che il medico di medicina generale attesta l’esonero o il differimento previa verifica di documentazione.

I meri attestati, sprovvisti di documentazione d’appoggio,vengono ritenuti insufficienti dalla ASL e conseguentemente viene fissata la data della vaccinazione o inviata la comunicazione di sospensione. Si tratta di un’interpretazione del tutto errata. La norma citata prevede che la verifica documentale delle patologie che determinano l’esonero o il differimento deve essere effettuata esclusivamente e preventivamente, dal medico di medicina generale. Egli è l’unico soggetto titolare della prerogativa di conoscere lo stato di salute del paziente e,quindi, autorizzato a prendere cognizione dei documenti.
Non è consentita da un lato alcuna visione di documenti sanitari da parte delle ASL, dall’altro è vietata qualsiasi interferenza nella valutazione discrezionale effettuata dal MMG. Non deve,conseguentemente, essere allegata alcuna documentazione all’ASL oltre all’attestato del MMG. L’attesto del MMG fa stato fino a querela di falso: atto che le ASL si badano bene dal proporre.

Occorre opporre immediatamente  all’ASL,e con diffida di contestazione di responsabilità diretta del titolare procedimento, l’abuso di potere che compie attuando un simile comportamento. La celerità è essenziale.

Qualora qualcuno si trovasse nella situazione di dover far fronte ad un attacco di questo tipo è bene che si rivolga ad un legale. In linea di principio sarebbe possibile dettare una lettera standard da inviare all’Asl, ma poiché ogni attestazione di esonero o di differimento presenta delle specifiche peculiarità appare opportuna un’assistenza personalizzata. Io collaboro con l’avv. Mauro Sandri che è contattabile all’indirizzo: avv.maurosandri@gmail.com

LA STRATEGIA CONCRETA DA METTERE IN CAMPO PER SANITARI ED INSEGNANTI

Avv. Mauro Sandri

Una difesa per sanitari ed insegnanti che possa avere una prospettiva seriamente vincente deve essere, anzitutto, modulata sullo sfruttamento delle opportunità di esenzione e differimento esplicitate nelle leggi di riferimento. Ciascun soggetto può evitare la vaccinazione od il green pass innestando la sua problematica specifica, che con maggiore o minore gradiente, è sempre sussistente, all’interno dell’ampia previsione di legge, E’ il lavoro faticoso, perché analitico, che svolgo ogni giorno fianco a fianco con i miei assistiti, ma che produce per la gran parte di loro il risultato auspicato di evitare la vaccinazione.

Un difesa collettiva può e deve essere affiancata a quella individuale, ma deve trovare il suo fondamento nella contestazione SCIENTIFICA dei presupposti della narrativa. Bisogna provare l’insussistenza della utilità effettivi dei tamponi e dei vaccini ed il loro utilizzo fraudolento. Non si vincono queste cause con i richiami, giustissimi, ai principi generali dello Stato di diritto, perché la forma è sempre adattabile come ha confermato il Consiglio Costituzionale francese. Bisogna demolire nel MERITO il fondamento dell’edificio legislativo emergenziale avvalendoci degli studi di medici e scienziati di livello che hanno accolto il mio appello a sottoscrsedeive gli atti ed a dare il meglio di sé stessi. La sede concludente per avanzare ricorsi collettivi è quella europea: da quel rubinetto sono usciti il green pass e l’autorizzazione al commercio dei vaccini e quel rubinetto va chiuso.

https://santalex.eu/causa-obbligo-vaccinale-sanitari

Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, fra cui anche Marzia Chiocchi di Mercurius5, e Monica Tomasello di Catania CreAttiva, supportati da un team di medici ed avvocati, formatosi con l’unico intento di collaborare per la ricerca e condivisione della Verità sui principali fatti di rilevanza sia nazionale, che europea, che mondiale]

Puoi leggere questo articolo anche su👇