LA DAD VISTA DA UNA BAMBINA

di Lavinia Risetti 11 anni V C “Scuola Elementare

“E. FERMI” Carnago (Varese)

Didattica a distanza si o no? Questo e’ il problema

Forse, però, il vero problema è il Covid-19 poiché, a causa della pandemia scatenata da questo nuovo virus, la DAD è stata vista come una soluzione per contenere i contagi, anche se nella mia classe non ce ne sono stati. La nostra scuola, già lo scorso anno scolastico, aveva sperimentato questo nuovo metodo, che consiste nel collegarsi con i propri insegnanti tramite computer, tablet o telefono e partecipare alle lezioni e svolgere le attività che ci dicono di fare le maestre come fossimo in presenza, anche se la realtà è molto diversa da quella di una normale giornata di scuola in presenza. Secondo me, gli aspetti negativi della DAD superano gli aspetti positivi, poiché ciò che viene a mancare prima di tutto è il contatto diretto con i compagni e gli insegnanti: le battute che si fanno, le emozioni più spontanee, la merenda tutti insieme e la condivisione delle piccole cose di tutti i giorni.

Tra i pochi vantaggi ci sono: la riduzione dei tempi di andata e ritorno da scuola che significa svegliarsi un po’ piu’ tardi, non portare la cartella, utilizzare il proprio bagno e bere a volontà senza che ti finisca l’acqua nella borraccia. Tra gli aspetti negativi invece, oltre quello della mancanza di relazioni e del confronto diretto, c’è la difficoltà a mantenere l’attenzione e durante le lezioni può venire il mal di testa e gli occhi rossi a causa della prolungata visione del monitor, ci si stanca più del previsto e CI SI SENTE PIÙ SOLI. Anche se la DAD è durata solo un mese non vedevo l’ora di poter tornare a scuola in presenza e di poter condividere con i compagni di classe tutti quei piccoli momenti che lo schermo ci impediva di vivere.                  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *