DRAGHI HA FIRMATO IL DECRETO: SERVIRÀ IL GREEN PASS ANCHE PER RITIRARE LA PENSIONE……


21 gennaio 2022 – di Redazione Co.Te.L.I.

(Fonte: Governo.it – Presidenza del Consiglio dei Ministri)

Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha firmato oggi il Dpcm (in corso di registrazione) che individua le esigenze essenziali e primarie della persona per soddisfare le quali non è richiesto il possesso del Green Pass, ai sensi del decreto-legge 7 gennaio 2022, n. 1.
La deroga vale per i servizi e le attività che si svolgono, in locali al chiuso, in cinque ambiti:

  • alimentare e prima necessità;
  • sanitario;
  • veterinario;
  • di giustizia;
  • di sicurezza personale.


Qui il testo completo della bozza del DPCM in corso di registrazione: ⤵️

https://www.governo.it/sites/governo.it/files/DPCM_20220121.pdf

Dal 1° febbraio non sarà necessario il green pass per i supermercati, farmacie, parafarmacie e benzinai.

N.B.: Il decreto contiene una parziale retromarcia rispetto ai supermercatidove si era prefigurata la surreale situazione in cui alcuni beni avrebbero potuto essere acquistati con il green pass e altri senza. Il chiarimento pubblicato sul sito del governo è inequivocabile: “L’accesso agli esercizi commerciali in cui non è richiesto il Green Pass consente l’acquisto di qualsiasi tipo di merce, anche se non legata al soddisfacimento delle esigenze essenziali e primarie individuate dal citato decreto del presidente del Consiglio dei ministri”.

Quindi chi si reca in un supermercato potrà acquistare tutto quello che è esposto sui suoi scaffali, mentre chi andrà in un centro commerciale potrà entrare senza il Green pass solo nei negozi autorizzati.

Nelle attività essenziali, dove si potrà accedere senza il green pass, verranno effettuati dei controlli a campione.

Nell’elenco delle attività in cui occorre avere il Green Pass viene confermata l’esclusione delle tabaccherie:per comprare le sigarette servirà dunque il green pass.

Anche per librerie ed edicole servirà il Green pass base con eccezione per i chioschi all’aperto o presso i distributori automatici. 

Per le “esigenze alimentari e di prima necessità “si potrà accedere oltre che nei negozi di alimentari anche in quelli “non specializzati”, ma “con prevalenza di prodotti alimentari e bevande” come ipermercati, supermercati, discount, minimercati e altri esercizi di “alimentari vari”.
Sarà consentito accedere senza il green pass anche dai benzinai, nei negozi che vendono legna, pellet e ogni tipo di combustibile per uso domestico e per il riscaldamento, “esercizi specializzati e non in articoli igienico-sanitari”, farmacie, parafarmacie e altri articoli “specializzati per la vendita di articoli medicali, ortopedici e di ottica anche non soggetti a prescrizione medica”.

Farmacie e uffici delle forze dell’ordine: “È sempre consentito l’accesso per l’approvvigionamento di farmacie dispositivi medici e, comunque, alle strutture sanitarie e sociosanitarie nonché a quelle veterinarie per ogni finalità di prevenzione, diagnosi e cura”. Senza il green pass si potrà andare inoltre negli uffici delle forze di polizia e in quelli delle polizie locali per “assicurare lo svolgimento delle attività istituzionali indifferibili”, “di prevenzione e repressione degli illeciti” nonché per denunciare un reato o chiedere un intervento a tutela dei minori.

Uffici Postali e Banche: obbligo di Green Pass. Anche per ritirare la pensione servirà il certificato verde…

Le misure saranno in vigore dal 1° febbraio, giorno in cui scatterà l’obbligo del pass per negozi, banche, poste e uffici pubblici. Nello stesso giorno cambierà anche la durata del green pass che passerà da 9 a6 mesi.

Che cosa non sarà più obbligatorio dal 31 gennaio

Finiranno una serie di divieti introdotti con il decreto della Vigilia di Natale: senza una proroga, infatti, non sarà più obbligatoria la mascherina all’aperto in zona bianca, sarà possibile tornare a organizzare feste e riapriranno le discoteche, tutte misure che scadono il 31 gennaio, sempre che non siano introdotte proroghe del divieto in base all’andamento dell’epidemia, introducendo la possibilità che anche in questi contesti vengano effettuati dai titolari dei negozi controlli a campione.


_______________________
[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale]

Puoi leggere anche su 👇

Le parole del Premio Nobel Luc Montagnier (testo e video): “C’è stato un enorme errore di strategia. Questi vaccini non proteggono…..”

16 gennaio 2021 – di Redazione Co.Te.L.I.

Ha fatto molto rumore la partecipazione di Luc Montagnier, 89enne premio Nobel, alla manifestazione no green passorganizzata dal senatore Gianluigi Paragone, e tenutasi ieri, sabato 15 gennaio, a Milano.

Di seguito un estratto dal discorso pronunciato da Luc Montagnier:

C’è stato un enorme errore di strategia 
Questi vaccini non proteggono assolutamente, ed è quello che sta venendo fuori, piano piano.
Non sono solo gli esperimenti scientifici che lo dicono, ma anche i malati che si sono vaccinati.
Invece di proteggere può favorire altre infezioni.
La proteina utilizzata per il vaccino è tossica.
Il vaccino è nato per proteggere, ma in questo caso no.
Moltissimi sportivi dopo il vaccino, hanno iniziato a soffrire di gravi problemi cardiaci!
È un crimine assoluto fare questi vaccini a dei bambini!
Può causare anche malattie nervose al cervello molto gravi. 
Ci sono tantissime persone che stanno morendo.
I segni neurologici, spesso, partono dalla seconda dose. 
I medici oggi sono perfettamente informati di quello che sto dicendo, e dovrebbero fare qualcosa perché ne va il futuro dell’umanità!
Tanti Paesi si sono completamente dimenticati delle cure: esistono dei farmaci che funzionano benissimo, gli antibatterici ovvero gli antibiotici.
I non vaccinati un domani potranno salvare l’umanità ed i non vaccinati avranno questo compito. 
Bisognerebbe evitare di ascoltare chi non ha voce nel parlare di scienza e dobbiamo tornare al rispetto della verità scientifica!
Che sia Macron che sia Draghi, non importa: il potere ce lo ha il popolo.
Ci sono grossi studi e ricerche, che evidenziano importanti danni al cervello, neurologici causati dal vaccino. 
Soprattutto per le persone che hanno patologie avverse, come il cancro, bisogna che esse non si vaccinino perché nel vaccino, c’è una particella di alluminio, che penetra nelle cellule ed è ancora più cancerogena delle cellule stesse!
Non dovrebbero fare assolutamente neanche il vaccino antinfluenzale!
L’uomo vincerà se si concentrerà solo sulla natura! 
Ogni cittadino è libero e deve approfittare delle prossime elezioni, per dire il proprio parere!
Ai giovani voglio dire di intervenire per scoprire la verità e tutte le menzogne che ci stanno raccontando!
Viva la libertà!!!”

Luc Montagnier 
Premio Nobel per la medicina per aver scoperto il virus dell’HIV.
15.01.2022 – Piazza XXV APRILE, Milano

Guarda i VIDEO ⤵️⤵️⤵️⤵️⤵️
Vista Agenzia Televisiva

Linea Piemonte Italia,
su Facebook ad uno di questi due link ⤵️⤵️⤵️⤵️⤵️

https://www.facebook.com/lineaitaliapiemonte/videos/721310352590400/

https://fb.watch/az-wgVyH1e/

_______________________

[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia MC Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale]


DOCUMENTI MILITARI CONTRADDICONO LA TESTIMONIANZA DEL DOTT. FAUCI SOTTO GIURAMENTO [VIDEO]

12 gennaio 2022 – di Redazione Co.Te.L.I.

Il progetto Veritas lunedì sera ha rilasciato documenti militari mai visti prima riguardanti le origini del Covid-19, la ricerca sul guadagno di funzione, i vaccini, i potenziali trattamenti e lo sforzo del governo per nascondere tutto.

I documenti militari appena rilasciati contraddicono la testimonianza del dottor Fauci sotto giuramento.

Fauci ha ripetutamente testimoniato sotto giuramento al Congresso che il governo degli Stati Uniti non è mai stato coinvolto nella ricerca sul guadagno di funzione presso il laboratorio di Wuhan.

  • Documenti militari affermano che EcoHealth Alliance si è rivolta alla DARPA nel marzo 2018 in cerca di finanziamenti per condurre la ricerca sul guadagno di funzione dei coronavirus trasmessi dai pipistrelli. La proposta, denominata Project Defuse, è stata respinta dalla DARPA per motivi di sicurezza e per l’idea che violi il guadagno della moratoria della ricerca sulla funzione.
  • Il rapporto principale riguardante la proposta di EcoHealth Alliance trapelato su Internet un paio di mesi fa, è rimasto fino ad ora non verificato. Il progetto Veritas ha ottenuto un rapporto separato per l’ispettore generale del dipartimento della difesa, scritto dal maggiore del corpo dei marine statunitensi, Joseph Murphy, un ex membro della DARPA.
  • “La proposta non menziona né valuta i potenziali rischi della ricerca sul guadagno di funzione (GoF)”, una citazione diretta dalla lettera di rifiuto della DARPA.
  • Project Veritas ha contattato la DARPA per un commento sui documenti nascosti e ha parlato con il capo delle comunicazioni, Jared Adams, che ha detto: “Non mi sembra normale”, quando gli è stato chiesto come sono stati seppelliti i documenti.

«Se il Dipartimento della Difesa l’ha sentito [gain-of-function] la ricerca era troppo pericolosa per procedere, perché mai il NIH, il NIAID e l’EcoHealth Alliance hanno sconsideratamente ignorato i rischi connessi?’ O’Keefe ha chiesto ai suoi spettatori.

[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia MC Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale]

“Spigolature” dell’8 gennaio 2022 – di Vincenzo Mannello-in primo piano: Draghistan e obbligo vaccinale over 50”


Chi voglia ripassare, clicchi il link sotto: ⤵️

https://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2022-01-07&atto.codiceRedazionale=22G00002&elenco30giorni=true


avanza il credito sociale : ti vaccini, anche 100 volte? Entri in banca, lavori e vai dal barbiere… Ti rifiuti? Stai a casa, non lavori, affami la famiglia e paghi pure una multa (per iniziare)…Facile ritenere che voglia ricattare i pensionati affamandoli come in Grecia e facendoli rimanere senza assistenza medica, come attuato ad Atene dal duo Draghi- Merkel. O, magari, rinverdire i fasti di Pol Pot eliminando il problema alla radice.

⚠️Ai signori medici, però, il provvedimento non basta:

“troppo pochi 100 euro di sanzione!Bisogna colpire più duramente i #NoVax. Gli ospedali e le terapie intensive sono occupati solo da loro, non possiamo curare I malati con altre patologie”!

🔴faccio presente che i “signori della sanità”, ordini professionali in testa (ma pure la gran massa di medici ed infermieri), se ne sono strafottutti dei ventennali tagli imposti, da tutti i governi, alla sanità pubblica nei decenni precedenti. 

______________________

[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia MC Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale] 


IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. Catania CreAttiva non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Puoi leggere anche su 👇

UK DATI SHOCK: 74% DEI MORTI COVID È VACCINATO. MA IN ITALIA DRAGHISTAN CONTINUA L’APARTHEID DEI NON VACCINATI

La strategia del governo Draghi è ormai chiara: non sapendo come venire a capo dell’emergenza sanitaria, continua a puntare il dito contro i non vaccinatiindicandoli come unici responsabili di questa situazione, nella speranza di deviare contro di loro l’attenzione degli italiani.

Un piano ben chiaro, guardando alle ultime scelte dei nostri politici: il Super Green Pass è stato reso necessario ormai anche per utilizzare i mezzi di trasporto, compresi quelli pubblici locali (una vera e propria apartheid dei non vaccinati…!) e si ragiona sull’estensione a tutti i lavoratori, rendendo così di il vaccino, di fatto, obbligatorio a tutti gli effetti.

Peccato che la strategia del governo stoni in maniera forte con le notizie provenienti dagli altri Paesi del mondo, in particolar modo dal Regno Unito.


L’ultimo monitoraggio, infatti, pubblicato dalla UK Health Security Agency e relativo alla 51° settimana di pandemia sul territorio britannico fornisce infatti numeri abbastanza indicativi sull’andamento dell’emergenza: su 7.542 ricoverati totale causati dal Covid, 3.115 hanno interessato pazienti non vaccinati (il 41,3% del totale). Il 58,7% delle persone ricoverate, dunque, aveva ricevuto regolarmente l’inoculazione dei farmaci anti-virus.

A spaventare ancora di più è però un altro dato, decisamente più eclatante. Quello sui decessi legati al Covid: su 2.956 morti totali registrati nel Regno Unito nel corso dell’ultima settimana, soltanto 780 persone non avevano ricevuto il vaccino. Ovvero, il 26% del totale. Il 74% dei morti, di contro, aveva ricevuto regolarmente la somministrazione. (Vedi: Regno-Unito-choc-il-74-dei-morti-di-covid-è-vaccinato). Numeri in linea con quelli che arrivano da tutto il mondo, dove anche nei Paesi in cui il tasso di vaccinazione è altissimo si stanno vivendo giorni di grande apprensione per l’aumento di contagi e decessi.

E d’altronde proprio in queste ore Sabine Bruckner, a capo di Pfizer Svizzera, ha annunciato come l’azienda farmaceutica sia al lavoro su un nuovo vaccino che potrebbe essere pronto già a primavera. 

https://finanza.lastampa.it/News/2021/12/28/pfizer-lavora-ad-un-vaccino-anti-covid-adattato-alla-variante-omicron-sara-disponibile-in-primavera/MTMxXzIwMjEtMTItMjhfVExC


Quello che resta un mistero è il motivo per cui il governo italiano continui a cercare di fare passare i non vaccinati come gli unici responsabili dell’emergenza. Una tesi che cozza clamorosamente con la realtà dei fatti.


_______________________
[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia MC Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale]

I NON VACCINATI: UN GRUPPO DI CONTROLLO SCOMODO IN UN ESPERIMENTO SOCIALE

05 gennaio 2022 – Redazione Co.Te.L.I.

Ci è giunto in redazione questo messaggio, con preghiera di diffusione ⤵️

I NO VAX: CIÒ CHE DI PIÙ PREZIOSO HANNO I SÌ VAX

Non so se sapete come funzionano i farmaci sperimentali.. Sapete come scoprono se un farmaco crea danni a chi lo utilizza? Ve lo spiego.. Grazie al gruppo di controllo.. Il gruppo di controllo è fatto da persone che non hanno preso il farmaco.. Per questo sono così accaniti contro i no-vax e vogliono che siano Punturati tutti.. Perché più tempo passa e più *i non Punturati possono fungere da gruppo di controllo per dimostrare il fallimento totale come numero di morti e danneggiati* della campagna vaxxxinale sperimentale.. Cosa succederebbe a loro se tra due anni grazie ai non Punturati sani come pesci uscisse fuori che chi ha partecipato alla sperimentazione di massa si è ridotto l’aspettativa di vita della metà o oltre? Potete immaginare che danno di immagine per le industrie farmaceutiche? E di credibilità per tutti i complici del sistema in genere, politici in primis.. Invece se non esistesse il gruppo di controllo tutti si ammalerebbero e morirebbero per i motivi più disparati.. Con i media potrebbero attribuire le cause a qualunque altra cosa.. Da tare genetiche di famiglia, all’inquinamento, alla cattiva alimentazione, ecc. Il gruppo di controllo deve sparire e purtroppo esistono solo due modi.. O l’avvelenamento con il siero genico, o la reclusione in campi di concentramento che inevitabilmente porteranno allo sterminio per chi non accetta di uscirne punturato.. Diffondete questo messaggio perché tutti devono capire la gravità della situazione l’esistenza dei novax è una minaccia troppo grande per i loro interessi.. Stanno accelerando i tempi perché più passa il tempo e più i sierati si accorgono di essere stati ingannati.. Più passa il tempo e più persone anche vaccinate vorranno la testa dei politici… Diffondete questa notizia più che potete!
Vedi: ⤵️

PERCHÉ VOGLIONO VACCINARE TUTTI?

Questa è una domanda sentita molte volte. E le risposte sono varie. La seguente è un’ipotesi che non è inverosimile, e non manca di logica, dal punto di vista dei grandi attori in campo vaccinale.

By William Sullivan

Prima, quando gli esperti non sapevano se i nuovi vaccini fossero anche “efficaci nel prevenire le infezioni sintomatiche da COVID-19”, il governo, i media, l’intellighenzia aziendale e della salute pubblica spingevano senza sosta gli americani a farsi vaccinare proclamando il 90% di efficacia, e il dottor Anthony Fauci ipotizzava apertamente che “abbiamo davvero bisogno di vaccinare il 75-85% della popolazione per raggiungere l’immunità di gregge”.

Tutte queste informazioni possono essere trovate inun singolo articolo del dicembre 2020. Per quanto riguarda i tassi di vaccinazione (almeno tra gli adulti), oggi abbiamo raggiunto il “punto ideale” del dottor Fauci, una volta ipotizzato, grazie a una campagna vaccinale.

e ha propagandato benefici che sono dimostrabilmente irraggiungibili.

Non c’è mai stata alcuna prova documentata che i vaccini fossero efficaci nel prevenire le infezioni da COVID. In ogni caso, ora sappiamo ciò che allora non si sapeva, anche quando spingevano affinché quattro americani su cinque si vaccinassero, ovvero che i vaccini non sono affatto efficaci nel prevenire le infezioni sintomatiche da COVID-19.

Proprio così. Che ci si vaccini o meno, si possono comunque avere infezioni sintomatiche e rappresentare un rischio di infezione per gli altri.

La probabilità di dover andare in ospedale e/o morire per un’infezione dipende ancora molto dalla tua età e dalle tue condizioni di salute. Se sei anziano o non sano, hai più probabilità di morire per un’infezione da COVID, anche se sei vaccinato. Se siete giovani e sani, è estremamente improbabile che siate ricoverati in ospedale o che moriate, che siate vaccinati o meno.

Questi sono tutti fatti indiscutibili. E così siamo tornati al punto di partenza quando il dottor David Katz ci ha detto tutto il 20. Marzo 2020 sul New York Times ((prima che diventasse chiaro che i media cospiravano per nascondere qualsiasi opinione o prova contraria allo status quo della salute pubblica), che il meglio che possiamo fare è proteggere gli anziani e coloro che sono vulnerabili all’infezione dal diventare infetti, mentre il resto di noi va avanti con la propria vita acquisendo naturalmente l’immunità di gregge – cioè, lasciando che le persone giovani e sane, che non sono lontanamente minacciate dall’infezione da COVID come le popolazioni vulnerabili, vivano la loro vita e acquisiscano l’immunità. Ha funzionato in Svezia. Le osservazioni attuali suggeriscono. Le osservazioni attualisuggeriscono che ha funzionato anche in Florida. Eppure il governo, i media, le corporazioni e i funzionari della sanità pubblica non sono interessati a informare onestamente il pubblico sui rischi e i benefici o a permettere agli individui di prendere decisioni informate. No, sono interessati a usare il potere del governo federale e pretendere che una persona su cinque che non è stata ancora vaccinata sia vaccinata per porre fine alla pandemia.

Soffermiamoci un attimo a valutare due fatti molto semplici.

In primo luogo, la grande maggioranza di coloro che non sono ancora vaccinati sono persone giovani e sane che in realtà avrebbero in genere un basso rischio di subire danni dal COVID.

In secondo luogo, quattro adulti americani su cinque sono “completamente vaccinati”, quindi la storia dei focolai di COVID che provengono solo da uno su cinque non vaccinati è sempre meno plausibile anche per i più creduloni tra il gregge di Fauci.

C’è un pericolo concreto se il governo permette la continuazione dell’esistenza di quell’uno su cinque disobbedienti che si oppone alla regolamentazione imposta dallo stato. Loro sono la prova, vedete, della fallibilità dell’intellighenzia sanitaria del governo.

Immaginate, se volete, un ipotetico scenario in un futuro non troppo lontano. È il gennaio 2022. Gli ospedali sono sovraccarichi, anche se il tasso di copertura delle vaccinazioni per gli adulti è di circa l’80%. Ma stranamente, sono soprattutto i vaccinati ad essere ricoverati, non i giovani e sani non vaccinati, che hanno deciso, sulla base della loro valutazione logica del rischio personale, di non prendere un nuovo vaccino che è stato messo sul mercato in fretta e furia e che il governo ha voluto introdurre in modo forzato nel loro organismo.

Immaginate se si potesse scoprire con facilità che una gran parte dei non vaccinati non viene affatto ricoverata in ospedale, e che la maggior parte di quelli ricoverati in ospedale sono in realtà persone vaccinate più anziane e meno sane che erano comunque a più alto rischio di COVID.

Che cosa vorrebbe dire? Vorrebbe dire che la vaccinazione non rende le persone sicure come è stato promesso dal governo, dai media, dalle corporazioni o dall’intellighenzia della salute pubblica? Come minimo, significherebbe questo. E in questo momento, non dovremmo essere così sciocchi da immaginare che ciò che sta accadendo sia qualcosa di diverso dal controllo dei danni da parte dei nostri tormentatori politici che stanno disperatamente cercando di nascondere le prove delle loro bugie al popolo americano. Se l’amministrazione Biden può convincere il 95% degli americani a farsi vaccinare a qualsiasi costo, anche a costo di un ordine esecutivo che contraddice ogni principio fondamentale che la Costituzione dovrebbe proteggere, allora per loro ne vale la pena.

I “non vaccinati” sono ora il bersaglio del governo perché rappresentano una minoranza incontrollata che possono essere incolpati dei mali della società, certo. Ma la cosa più importante è che ora c’è una spinta disperata a vaccinare quest’ultimo quinto degli adulti americani. I non vaccinati sono un gruppo di controllo scomodo da contrapporre alla categoria dei vaccinati – visto che qualsiasi valutazione onesta di questo esperimento sociale che abbiamo intrapreso l’anno scorso minerebbe chiaramente l’ipotesi del governo presentata in passato sull’efficacia dei vaccini.

Traduzione a cura di Nogeoingegneria 

FONTE:

https://www.americanthinker.com/articles/2021/11/the_unvaccinated_an_inconvenient_control_group_in_a_sinister_social_experiment.html

_______________________

[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale]



IMPORTANTE!: Il materiale presente in questo sito (ove non ci siano avvisi particolari) può essere copiato e redistribuito, purché venga citata la fonte. Mercurius5 non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale ripubblicato. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Antonello Musumeci: riflessioni sul Green Pass…è una domanda.

28 dicembre 2021 – Redazione Co.Te.L.I.

Antonello Musmeci è uno di quei personaggi che riempiono di orgoglio i siciliani. Uomo di grandissimo talento e di una intelligenza fuori dal comune, pur avendo avuto moltissimi riconoscimenti al suo indiscutibile valore, ha comunque pagato il suo voler essere “libero” da qualsivoglia “catena”… Un uomo d’arte e di cultura, elementi questi portati avanti e vissuti sempre da Antonello in maniera indissolubile.
È per questo che quando scrive o dice qualcosa, mi soffermo sempre a leggere o ascoltare… In questi tempi così tristi e difficili, infatti, in cui media “spazzatura” non smettono di dar voce a personaggi insulsi e vergognosi come virostar, influencer e servi del regime a vario titolo, le parole e le riflessioni asciutte e pulite di persone come Antonello sono un vero e proprio “balsamo” per la mente…

Questo uno dei suoi ultimi pubblici post:⤵️


Ecco, questo apparentemente inlogico sistema di cose, e’ il cuore di un qualcosa che va ben oltre quello che sta accadendo, quasi un tracciamento demografico, che utilizza un qualcosa di grave come il covid, per ottenere un beneficio di altra natura.

Non sono un no vax, ne un teorico della cospirazione o un terrapiattista, sono un uomo e un giornalista che, quando molti dei volti televisivi che si vedono oggi, giocavano ancora all’allegro chirurgo, faceva gia’ inchieste su mafia, p2, Ustica, intervistando personaggi al vertice e vincendo premi ai piu’ alti livelli.

Non voglio sapere se’ si puo’ morire di covid o come si chiamano le varianti che ci possono fare infettare, perche’ e’ da due anni che parlo e mi confronto con scienziati e autorevoli ricercatori, quello che vorrei sapere e’ la ragione per la quale un documento sanitario viene rilasciato da un Ministero economico.

Quindi, spero di ricevere solo risposte intelligenti all’altezza del mio messaggio e mi auguro di non avere le fastidiose retoriche dei passionari pro tutto o di quelli folgorati dalla linea scientifica a tutti I costi.
Grazie.
Antonello Musmeci spy report 28 dic 2021”

Fonte: ⤵️


________________________

[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia MC Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale]

IL GOVERNO VA AVANTI NEL SUO PROGETTO LOGORANTE E DISTRUTTIVO, MENTRE L’ITALIA È IN STALLO! RISTORATORI SEMPRE PIÙ IN CRISI

16 Dicembre 2021 – Redazione Co.Te.Li

La corsa all’ultimo guadagno degli imprenditori del settore ristorazione, rischia di vanificare i sacrifici che fino ad ora  sono stati fatti. Dal 9 luglio, con l’iniziativa #IONONCISTO, sono emersi forti dubbi sul green pass, che molti commercianti hanno definito, a più riprese, economicamente fallimentare e socialmente discriminatorio. Ma il Governo ha fatto e sta facendo orecchie da mercante nell’ascoltare le lamentele e il dissenso chi non è d’accordo con queste misure restrittive più politiche che sanitarie. Mentre continua ad aumentare le tasse, le bollette delle utenze energetiche, nonostante lo stato di emergenza prolungato, le chiusure passate, che non hanno permesso di guadagnare nella giusta misura, per poterle pagare, lo Stato chiede, chiede, chiede!

Anzi, con l’incedere delle Festività natalizie, Draghi e compagni, sembra voler infierire per oscurare anche quel momento di serenità che il Natale dovrebbe regalare, nonostante tutto!

Alessia Brescia, portavoce e Presidente Associazione Ristoratori Veneto & ho.re.ca concorda con quanto già espresso da Leo Ramponi, Presidente dell’Associazione Ristoratori, aderente a Confcommercio, riguardo al protrarsi del danno catastrofico che la categoria sta subendo.

Il “terrorismo” che sta dilagando non fa altro che aggravare una situazione, sempre più avvolta in una pericolosa spirale.

TUTTO FA PENSARE AD UN IMMINENTE DEBACLE!!!

Il 65% delle disdette nel settore ristorazione sul territorio Veneto, ad esempio, vanno a braccetto con quelle del settore del turismo, con un calo di prenotazioni che sta massacrando entrambe le categorie. Il Supergreenpass non è stato altro che un caterpillar pronto ad asfaltare tutto ciò che ha incontrato e incontra.

E’ inutile ricordare quanto il mondo della ristorazione stia soffrendo dal marzo 2020” , e sarebbe l’ora, diciamo noi, che la categoria si ribellasse per farsi ascoltare da un governo che, volutamente sordo, sta eludendo qualsiasi richiesta atta a trovare un punto d’incontro per ricostruire il Paese.

Qualcuno ha dovuto abbandonare l’attività, perché il periodo è stato molto molto pesante”racconta un ristoratore romano. Da Nord a Sud il Covid ha spazzato via certezze e abbassato saracinesche: il fatturato è calato di almeno il 40% e il 95% delle strutture è a rischio insolvenza. Smart working e restrizioni non hanno aiutato. 

Roma è la prima città d’Italia per ristoranti chiusi nel 2020, seguono Milano e Torino.

PER APPROFONDIRE ⤵️⤵️⤵️

________________________

[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale]

Puoi leggere anche su 👇

USB: “C’È SCIOPERO E SCIOPERO, C’È SINDACATO E SINDACATO”- [VIDEO] “NO A DRAGHI E LO SCIOPERO GENERALE CGIL/UIL NON CI INTERESSA

16 dicembre 2021 – Comunicato USB

USB : “C’è sciopero e sciopero, c’è sindacato e sindacato”

Alla grandissima partecipazione allo sciopero generale di tutto il sindacalismo di base e conflittuale dell’11 ottobre, promosso su una piattaforma definita e combattiva, hanno fatto seguito altri scioperi di categoria promossi da diverse organizzazioni sindacali i cui risultati sono decisamente interessanti da analizzare.

Nella scuola venerdì 10 dicembre c’è stato uno sciopero che ha riguardato il complesso dei dipendenti, dagli insegnanti al personale ATA, proclamato unitariamente da alcune corazzate sindacali e da altre organizzazioni che si sono accodate, vale a dire Cgil, Uil, Snals, Anief e poi Cobas Scuola e Cub. Stando ai dati diffusi dal Ministero dell’Istruzione, allo scioperone pubblicizzato da tutti gli organi di informazione per giorni e giorni, ha aderito il 5,1% del personale interessato.

Lo sciopero del 26 novembre del Pubblico Impiego, specificatamente nel comparto Funzioni centrali, che comprende Ministeri, enti parastatali (Inps, Inail, Aci ecc.) e Agenzie fiscali, proclamato dalla sola USB e mai assurto agli onori delle cronache, ha registrato, sempre secondo dati ufficiali del Ministero della Funzione Pubblica, il 6,77% di adesioni.

I media sono soliti dare notizie delle questioni che riguardano il lavoro utilizzando la generica dizione “i sindacati”, negando così differenze di linea e di piattaforme e soprattutto favorendo l’idea che “i sindacati” siano solo quelli che siedono stabilmente alla corte dei governi. Vale a dire i soliti Cgil, Cisl, Uil, a volte con l’aggiunta di Ugl in omaggio al politically correct.

I dati che riportiamo sulle adesioni a due scioperi nazionali di categoria, uno proclamato da “i sindacati” e l’altro dalla sola USB consiglierebbero una maggiore attenzione a quanto accade nel Paese: non si tratta più di registrare avvenimenti tanto sporadici quanto confinati a ristrette realtà locali o di categoria, ma di dare conto di un panorama sindacale che riguarda, interessa, mobilita davvero milioni di lavoratori, dai dipendenti pubblici a quelli dell’industria, della logistica, dei trasporti, per citarne solo alcuni.

Il bolso cliché “i sindacati” è una cosa ammuffita e fuori dal tempo, come dimostra il furibondo dibattito scatenato intorno all’epocale decisione di Cgil e Uil di proclamare lo sciopero generale, peraltro più che dimezzato dagli occhiuti cani da guardia di quella Commissione di Garanzia sugli scioperi che proprio “i sindacati” avevano contribuito a erigere come una barriera contro il sindacalismo di base e conflittuale.

Che “i sindacati” diano scandalo decidendo di fare una tantum il lavoro per il quale sono nati, testimonia una volta di più quanto negli ultimi decenni abbiano tradito il loro ruolo. Ne è controprova il favore crescente che USB sta incontrando tra i lavoratori, i non garantiti, gli ultimi.

USB: “No a Draghi e lo sciopero generale di Cgil Uil non c’interessa” ⤵️

VACCINO ANTI-COVID: ESITO AUTOPSIA sul corpo della PROF.SSA AUGUSTA TURIACO…”È MORTA A CAUSA DEL VACCINO”

16 Dicembre 2021 – di Marzia MC Chiocchi – Redazione Co.Te.Li – Fonte: sicilialive.it

LA VERITÀ, PIANO PIANO, STA VENENDO A GALLA! MAI AVREMMO IMMAGINATO CHE, DOPO TANTA OMERTÀ, UN ALTRO MEDICO LEGALE AVREBBE SCRITTO E CONTROFIRMATO LA SUA RELAZIONE AUTOPTICA, EVIDENZIANDO, SENZA DUBBI, IL NESSO VACCINAZIONE/MORTE COME CAUSA- EFFETTO. È UNO SPIRAGLIO DI LUCE CHE FA BEN SPERARE SULLA PRESA DI COSCIENZA, DI ALCUNI MEDICI LEGALI, CHE FINALMENTE ATTESTANO L’ESISTENZA DI UNA REALE E CONCRETA CORRELAZIONE TRA IL SIERO SPERIMENTALE E I DECESSI!

IL RISULTATO DELL’ESAME AUTOPTICO SU AUGUSTA TAURICO, E’ SUCCESSIVO, IN TERMINI TEMPORALI, A QUELLO DI CAMILLA CANEPA, MORTA IL 10 GIUGNO SCORSO, DOPO AVER PARTECIPATO AD UN OPEN DAY ASTRAZENECA. ANCHE IN QUEL CASO, I PERITI DELLA PROCURA DI GENOVA LUCA TAJANA E FRANCO PIOVELLA, NELLE 74 PAGINE DI RELAZIONE CONSEGNATE AI PM FRANCESCA ROMBOLA’ E STEFANO PUPPO, HANNO EVIDENZIATO LE CAUSE DELLA TROMBOSI CEREBRALE PER CARENZA DI PIASTRINE CHE NE HANNO CAUSATO LA MORTE, METTENDOLA IN RELAZIONE ALLA VACCINAZIONE. ⤵️⤵️⤵️

https://www.google.it/amp/s/www.ilfattoquotidiano.it/2021/10/21/camilla-canepa-la-relazione-dei-periti-dei-pm-morte-riferibile-a-effetti-avversi-del-vaccino-nessun-farmaco-o-patologia-pregressa/6363663/amp/

TORNIAMO ALLA NOTIZIA SULLA PROF. AUGUSTA TURIACO ⤵️⤵️⤵️

“IL 30 MARZO 2021 AUGUSTO TURIACO, DOCENTE DI MUSICA DI 55 ANNI È MORTA A CAUSA DELLA SOMMINISTRAZIONE DEL VACCINO “ASTRAZENECA”

Così comincia una nota dell’avvocato Daniela Agnello, legale della famiglia della donna dopo la somministrazione del vaccino. Ma in questa nota ci sono altre informazioni e vale la pena di leggerle tutte. “I consulenti della Procura di Messina hanno depositato la relazione tecnica medico-legale con le indagini istologiche e di laboratorio e hanno attestato la sussistenza di un nesso causale tra la somministrazione del vaccino AstraZeneca e il decesso della prof. Turiaco.

I tecnici, però, escludono profili di responsabilità colposa a carico dei sanitari intervenuti nella vicenda evidenziando che gli scarsi dati della coeva letteratura scientifica oltre l’assoluta incertezza normativa dell’epoca consentono di far ritenere esente da censure l’attività del personale medico e infermieristico”.⤵️⤵️⤵️

FONTE: livesicilia.it

_______________________
[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale]

Puoi leggere anche su ⤵️