Secondo Joe Biden, Vladimir Putin attaccherà l’Ucraina. Lo ha detto candidamente mercoledi, in una conferenza stampa che ha un po’ spaventato il governo ucraino

20 gennaio 2022 – Redazione Co.Te.L.I

Mercoledì, alla Casa Bianca, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha tenuto una conferenza stampa di quasi due ore in occasione del suo primo anno di mandato, e tra le altre cose ne ha approfittato per parlare della situazione al confine tra Russia e Ucraina, sempre più tesa e in cui sembra essere sempre più concreta la possibilità di un’invasione russa.

A un certo punto, rispondendo a una domanda, Biden ha candidamente detto che secondo lui il presidente russo Vladimir Putin attaccherà l’Ucraina, aggiungendo anche che la NATO potrebbe non avere una posizione comune su come reagire. Le sue parole hanno preoccupato molto il governo ucraino.

Rispondendo a una domanda sulle intenzioni di Putin, Biden ha detto: «Non sono sicuro che abbia deciso cosa fare: secondo me procederà, qualcosa deve fare», riferendosi secondo alcune analisialle ambizioni di Putin di allargare la propria influenza ai paesi che facevano parte dell’Unione Sovietica.


Le sue parole sono state riprese da gran parte della stampa internazionale, e interpretate come una «cupa constatazione», ha scritto il New York Times, del fallimento di tutti i tentativi di risoluzione diplomatica del conflitto, che vanno avanti da quasi dieci giorni e che finora non hanno portato a nessun risultato.

Biden ha parlato inoltre delle divisioni interne alla NATO su come reagire a un intervento militare russo in Ucraina. Secondo il presidente americano, molto dipenderebbe anche dalla gravità e dall’estensione dell’intervento russo: in caso di un intervento «limitato» tra i paesi membri della NATO si potrebbero creare delle divisioni e si finirebbe «per dover litigare su cosa fare e non fare».

Ma se la Russia decidesse di invadere l’Ucraina, allora Putin dovrà pagare un «caro prezzo» e per lui sarà un «disastro», ha detto Biden.

Non è chiaro cosa intendesse Biden quando ha parlato di un intervento «limitato». Jennifer Psaki, la portavoce della Casa Bianca, dopo la conferenza stampa ha specificato che un’invasione militare dell’Ucraina potrebbe incontrare una reazione diversa rispetto a un attacco informatico o a un’azione di tipo paramilitare.

Le parole del presidente americano hanno comunque preoccupato il governo ucraino, anche per le distinzioni fatte da Biden sulla possibilità di modulare la difesa dell’Ucraina in base alla gravità dell’intervento russo: secondo un funzionario ucraino sentito da CNN questo equivale a dare a Putin il «via libera per entrare in Ucraina come gli pare e piace».

Da settimane il governo russo ha ammassato circa 100mila soldati e molte armi e carri armati al confine con l’Ucraina, minacciando di intervenire se l’Occidente, o meglio la NATO, non fornisca garanzie che l’Ucraina non entrerà mai nell’Alleanza, e più in generale che interromperà processo di “allargamento a est”. Negli ultimi giorni le preoccupazioni di un eventuale intervento russo si sono fatte ancora più intense: secondo molte analisi ci sono buone ragioni per credere che Putin stia effettivamente pensando a un’operazione militare di qualche tipo. (Fonte: IlPost)

_______________________
[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale]

Puoi leggere anche su 👇

DILETTANTI ALLO “STREMO” SBARAGLIO. STORIE DI GOVERNATIVA IDIOZIA E DISUMANITÀ🤦‍♀️

22 Dicembre 2022 – Redazione

DI SEGUITO, UN ELENCO DELLE PIÙ SELEZIONATE E IDIOTE AFFERMAZIONI DEGLI UOMINI DELLA REPUBBLICA ITALIANA DELLE BANANE. SIETE PRONTI? SIETE CALDI?

WALTER RICCIARDI

ANCHE NOI SAPPIAMO IL PERIODO IN CUI COMINCERAI A FARE ACCATTONAGGIO!
_________________________

GENERALE FIGLIUOLO
QUOZIENTE INTELLETTIVO BASSO E ITALIANO STILE “BROCCOLINO”. RIVESTE IL GRADO PIÙ ALTO PER SUA INTELLIGENZA E CAPACITÀ DI INTELLIGENCE?🤣🤣🤣🤣🤣🤣
ASCOLTATE LE SUE PAROLE🤣🤣🤣🤣🤣🤣 ⤵️⤵️⤵️⤵️⤵️

_________________________

NINO CARTABELLOTTA PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE GIMBE, RIBATTEZZABILE (GENERAZIONE DI IMBECILLI MANIPOLATI, BIMBIMINKIA EBETINI) GIORNI FA, COSÌ SI È ESPRESSO,

RIDE BENE CHE RIDE ULTIMO! “TRUTH IS COOMING SOON”. CHISSÀ SE SAPRÀ TRADURRE?!🤣🤣🤣🤣🤣

_______________________

FABRIZIO PREGLIASCO

IL NUOVO MENGELE ITALIANO. FAREI MOLTA ATTENZIONE AL KARMA! E’ COME UN INARRESTABILE BOOMERANG!😱

________________________

E INFINE……PANCHO VILLA IL TENENTE GARCIA SILERI INTERVISTATO, DA MARA VENIER, VEDETE CON CHE IMBARAZZO RISPONDE SUL VACCINO AI 50 ENNI😂😂😂😂😂 PAURAAAAAAAAA 😂😂😂😂😂.

E NELLO STESSA INTERVISTA SCOPRIAMO CHE GIOVANNA BOTTERI, FRACASSATRICE DI BALLE, SEMPRE IN GUERRA CON I NON VACCINATI……NON È LEI STESSA VACCINATAAAAAAAAA…..ASCOLTATE COME SI ARRAMPICA SUGLI SPECCHI…..CLICCATE SUL LINK 😱😱😱😱😱😱😂😂😂😂😂😂

Sanremo è Sanremo: capienza totale e nessun distanziamento. E le regole anti-Covid?

22 Gennaio 2022 – Redazione Co.Te.Li


IO NON CE L’HO CON SANREMO E LA RAI, REALTÀ CHE CONOSCO FIN TROPPO BENE! IO CE L’HO CON VOI, ESSERI UMANI IDIOTI, CHE NON AVETE ANCORA CAPITO UN TUBO DEI MESSAGGI RAZZISTI, NAZISTI E FASCISTI CHE LO STATO VI STA INVIANDO! E QUESTA VOLTA, SE LA CAPIENZA DELL’ARISTON SARÀ SODDISFATTA NELLA SUA TOTALITÀ, A CHI DARETE LA COLPA? AI NON VACCINATI? CARI LOBOTOMIZZATI, DORMIENTI, DEFICIENTI SERIALI SENZA SPERANZA, MAGARI PROPRIETARI DI RISTORANTI, CINEMA E DISCOTECHE, QUESTA VOLTA, LEGGENDO LA NOTIZIA, CON CHI VE LA RIFARETE? AVETE ROTTO IN TUTTI I SENSI E IN TUTTI I MODI. SIAMO VICINI AL BARATRO COME TUTTA QUESTA NARRATIVA, E VORRÒ PROPRIO VEDERE LE VOSTRE FACCE DA EBETINI, LAMENTARVI PER ESSERE STATI FREGATI! QUANDO VI SVEGLIERETE, PRETENDERETE, ANCHE, DI ESSERE ASCOLTATI CON LE VOSTRE LAMENTELE! SIETE VOI I LADRI DI FELICITÀ E I PORTATORI DI DISCORDIA. E VANTATE ANCHE TITOLI DI STUDIO?! CERTO! AVENDO IMPARANDO A PAPPAGALLO, SENZA CERVELLO, QUATTRO NOZIONCINE DI REGIME PER INTASCARVI UN TRENTA E LODE! POVERA ITALIA! MA CHI HA ANNACQUATO IL NOSTRO SANGUE CHE HA DATO I NATALI ALL’ECCELLENZA ITALIANA?! RIMBAMBITI ANZITEMPO DI OGNI ETÀ, IN REALTÀ CHI SIETE E DA DOVE VENITE?!!!!!! AI POSTERI L’ARDUA SENTENZA!

Marzia Mc Chiocchi

LA NOTIZIA ⤵️

Perché Sanremo è Sanremo”. Udite, udite, al teatro Ariston non varranno le regole anti-Covid valide per tutti gli altri. Non ci sarà infatti il limite della capienza, non ci sarà alcun distanziamento del pubblico in sala, e quelle duemila poltrone rosse saranno tutte felicemente occupate al chiuso. Ci sarà da esibire il Super green pass all’entrata, certo. Sull’obbligo di uso della mascherina, invece, ancora non è dato sapere. Ah!!!!!! Altro dato importante: nessun tampone per gli spettatori in sala. E le regole che invece incombono sulle altre strutture, edifici, cinema, teatri, palazzetti e stadi? No. Sanremo è Sanremo.

La Rai ha inoltre previsto il noleggio di una nave Costa sulla quale, è stato precisato, verrà allestito uno studio tecnico-regia mentre non è prevista la ristorazione. E come mangia la truppa televisiva? C’è puzza di un’altra bugia. Quel che è certo è che Sanremo, con l’Ariston senza limitazioni, è decisamente in controtendenza con gli stadi ci calcio, ad esempio, aperti soltanto a 5.000 spettatori e tutti distanziati nonostante quello almeno sia un luogo all’aperto e non al chiuso. Ma alle contraddizioni totali ormai siamo tristemente abituati. Chiedere ai ristoratori, la categoria più colpita dalle follie di Conte prima e Draghi poi, per farsi un’idea. 
L’annuncio trionfale di ieri, sull’Ariston aperto al cento per cento, ha fatto però storcere il naso a tanti. A molti è sembrato come se di colpo nulla sia accaduto e nulla possa ancora accadere. Ma solo per alcuni. Per tutti gli altri, invece, la triste realtà con le sue restrizioni e le sue azioni liberticide è ancora pienamente in corso. Anche su questo sarebbe bene che Speranza, Draghi e tutto il coro (non quello dell’Ariston) dessero qualche spiegazione. I cittadini ne hanno le scatole piene di queste ripetute prese in giro.

Fonte: ANSA e Il Paragone ⤵️⤵️⤵️⤵️⤵️

https://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2022/01/20/sanremo-capienza-al-100-e-per-il-pubblico-super-green-pass_3b6bc111-8d16-4384-ab17-5d9c8c25dbdc.html

________________________

[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia MC Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale]

Puoi leggere anche su 👇

PFIZER SCEGLIE GENOVA. CHISSÀ PERCHÉ?🤣PER CAPIRE LE REAZIONE AVVERSE DEI VACCINI COVID INSIEME AD ALTRE 20 LOCALITÀ IN UN NUOVO STUDIO

20 Gennaio 2022 – Redazione

GENOVA – La multinazionale Pfizer-Biontech ha scelto Genova, unica città in Italia, per uno studio sui vaccini anti-covid. Sono tre i Paesi coinvolti, 20 i centri di ricerca tra i quali l’unico italiano è quello diretto dal professor Giancarlo Icardi, direttore del dipartimento di Igiene dell’ospedale policlinico San Martino.

E ORA DITEMI CHE BASSETTI NON È DELLA CORDATA!!!!!!

L’indagine, come riporta l’edizione locale de La Repubblica, coinvolgerà 13 mila persone nel mondo. A Genova hanno già aderito 150 volontari. In pratica chi parteciperà alla ricerca dovrà rispondere ad alcuni test sullo stato di salute nell’arco di due anni dopo la somministrazione delle due dosi di vaccino.

Inizialmente i questionari verranno distribuiti alle settimane uno, due, quattro, sei e otto, tra la prima e la seconda dose, e poi ogni tre mesi fino al completamento dello studio. Chi parteciperà al progetto riceverà un compenso di 171 euro totali. 🤣🤣🤣🤣🤣🤣
HANNO PRESO GLI ITALIANI PER ACCATTONI, E CI SARÀ QUALCUNO CHE SI VENDERÀ PER QUATTRO LENTICCHIE SENZA COTICA, PERCHÉ I MAIALI SARANNO GIÀ’ GLI UOMINI PFIZER.

“Lo scopo di questo studio – ha spiegato Icardi – è acquisire maggiori informazioni sugli effetti di Cominarty nel contesto del mondo reale. E’ uno studio molto importante perché è di tipo osservazionale ed è coordinato dall’Istituto Superiore di sanità”.
AH……BEH……SE A CONTROLLARE SARÀ L’ISS, POTREMO DORMIRE SONNI TRANQUILLI 🤣🤣🤣🤣🤣🤣

A differenza della sorveglianza passiva “questo studio – prosegue il professore – consiste in una sorveglianza attiva, in cui il soggetto viene invitato anche a segnalare qualsiasi evento che nota, sia quelli che sono gli effetti collaterali prevedibili, già riportati nella scheda tecnica del vaccino, sia qualsiasi altro sintomo”. Al termine dello studio i dati saranno analizzati per isolare eventuali, effettive, connessioni tra manifestazioni e somministrazione del vaccino.

SARÀ NOSTRA GRANDE CURIOSITÀ CONOSCERE LE FACCE DI CHI PARTECIPERÀ A QUESTO NUOVO TOUR DI MACELLERIA SANITARIA!!!!!!
SARANNO COSÌ SPENTE E ALLOCCHE CHE NON NE RIMARREMO TROPPO SORPRESI!!!!!!

CA VA SANS DIRE!!!!!!

Milano: Pregliasco ascoltato in procura per lo scandalo delle operazioni rinviate ai pazienti non vaccinati

20 Gennaio 2022 – Fonte: IlParagone

Fabrizio Pregliasco, virologo-divo del piccolo schermo italiano in epoca Covid e direttore sanitario dell’Istituto Galeazzi di Milano, è stato sentito in procura dal procuratore aggiunto Tiziana Siciliano in merito allo scandalo sollevato dalla trasmissione Fuori dal Coro, che aveva raccolto le testimonianze di pazienti non vaccinati che si erano visti spostare degli interventi chirurgici proprio perché sprovvisti del Super Green pass.

L’audizione, come riportato dalla testata Il Giorno, è stata richiesta dalla responsabile del dipartimento “Tutela della salute, dell’ambiente e del lavoro”. In queste ore, il virologo si era difeso dalle accuse spiegando all’Agi di aver dato “indicazione ai curanti di fare una valutazione rispetto al rischio di fragilità dei pazienti per riorganizzare e ottimizzare le sale operatorie per gli interventi più urgenti”. Secondo Pregliasco “l’eventuale scopertura vaccinale espone il paziente a un maggior rischio e avendo spazi limitati e cento posti letto in meno, per garantire tutta l’attività per i Covid si è resa necessaria una riorganizzazione degli interventi”.

Pregliasco aveva sottolineato come, comunque, tutti gli interventi urgenti in programma al Galeazzi di Milano siano stati effettuati per tempo e che gli slittamenti avrebbero interessato soltanto operazioni considerate “di minore importanza”. Intervistato dal giornalista Francesco Borgonovo per La Verità, Pregliasco era però finito nuovamente nella bufera per aver tentato di giustificare così la sua scelta: “Se arrivasse un paziente obeso lo rimanderemmo indietro? Se ha dei problemi sì, c’è una classificazione anestesiologica”.

Una frase, quella del medico, che ha fatto sbottare ulteriormente gli utenti sui social, arrivati a parlare di una vera e propria “apartheid medica” attuata da Pregliasco all’interno della struttura milanese. Il diretto interessato aveva sottolineato come la sua struttura, al pari di tutte quelle italiane, “fosse in grave difficoltà” in questi mesi di pandemia, rendendo necessarie scelte sui pazienti cui dare la priorità. Una selezione che, a quanto pare, tende però a escludere sistematicamente i non vaccinati.

IL PREMIO NOBEL MICHAEL LEVITT SUL COVID: “IL LIVELLO DI STUPIDITÀ RAGGIUNTO È PAZZESCO”

20 gennaio 2022 – Redazione Co.Te.L.I.

Il premio Nobel Michael Levitt sul Covid: “Il livello di stupidità raggiunto è pazzesco”.

Michael Levitt, che é stato professore di biologia strutturale alla Stanford University e premio Nobel per la chimica nel 2013 “per lo sviluppo di modelli multiscala per sistemi chimici complessi”, ha denunciato la reazione epidemiologica alla pandemia come una situazione vergognosa per la scienza”.


The level of stupidity going on here is amazing” (tradotto: “Il livello di stupidità raggiunto è pazzesco”), lo dice proprio il professore, il quale durante uno dei “Lindau Nobel laureate meetings” ha dichiarato, in merito alla situazione che si é creata: Come gruppo, gli scienziati hanno fallito…Non sono contrario al blocco. Sono contro uno stupido blocco senza considerare il quadro completo. Non si tratta solo di combattere un virus che è esattamente pericoloso quanto l’influenza, ma anche di evitare il danno economico che ogni paese ha causato se stesso tranne la Svezia…Gli epidemiologi hanno causato sofferenze e danni per centinaia di miliardi di dollari, principalmente alle giovani generazioni”

Il dibattito nel quale ha presenziato Levitt (USA), chiamato Corona – Il ruolo della scienza in tempi di crisi, ha visto la partecipazione di altri scienziati come Peter C. Doherty, Università di Melbourne, Dipartimento di Microbiologia e Immunologia, Australia; Alice Fletcher-Etherington, Università di Cambridge, Cambridge Institute for Medical Research, Regno Unito; Saul Perlmutter, Università della California, Dipartimento di Fisica, USA; Enrique Lin Shiao, ricercatore post-dottorato, University of California, Berkeley, Doudna Lab, USA. Il moderatore dell’evento é stato Adam Smith, Direttore scientifico, Nobel Media AB, Svezia.

I partecipanti hanno discusso di alcuni aspetti scientifici come “la biologia del virus, l’immunità, gli anticorpi, i farmaci antivirali o i modelli matematici per la diffusione del virus”. Ma hanno anche analizzato il ruolo della scienza e come questa ha influenzato le decisioni politiche. Gli ospiti al dibattito però hanno anche approfondito riguardo come dovrebbero agire gli scienziati nei dibattiti, sia tra di loro che nella comunicazione al pubblico.

Fonte The Italian Tribune 

________________________

[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale]

CDC ammette che l’immunità naturale e’ superiore a quella vaccinale nella prevenzione di ricoveri e decessi Covid

20 gennaio 2022 – Redazione Co.Te.L.I.

I Centers for Disease Control hanno finalmente ammesso che esiste unimmunità naturale da precedenti infezioni. Ma è anche peggio di così per la narrativa Covid: il CDC ammette che l’immunità naturale da infezioni precedenti è superiore alla sola immunità vaccinale.


Il CDC ha rotto il silenzio sull’immunità naturale mercoledì. Ha pubblicato uno studio intitolato :”COVID-19 Cases and Hospitalizations by COVID-19 Vaccination Status and Previous COVID-19 Diagnosis — California and New York, May–November 2021″.

I risultati sono stati riportati da Agence France-Presse.


Durante l’ultima ondata americana di coronavirus guidata dalla variante Delta, gli individui non vaccinati ma sopravvissuti al Covid erano meglio protetti di quelli che erano stati vaccinati e non precedentemente infettati”, ha osservato AFP a proposito del nuovo studio.

“La scoperta è l’ultima a pesare su un dibattito sui punti di forza relativi dell’immunità naturale rispetto a quella acquisita dal vaccino contro SARS-CoV-2, ma questa volta arriva con l’imprimatur dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC)”, ha aggiunto AFP.

Lo studio stesso è fortemente analizzato e sostiene che la vaccinazione è ancora la migliore strategia per prevenire ricoveri e decessi Covid. Questo può essere vero, ma solo per le persone che non hanno un’immunità naturale da infezioni precedenti.

Nel periodo maggio-novembre 2021, i tassi di casi e ospedalizzazione erano più alti tra le persone che non erano vaccinate senza una precedente diagnosi. Prima che Delta diventasse la variante predominante a giugno, i tassi di casi erano più alti tra le persone sopravvissute a una precedente infezione rispetto alle persone che erano state solo vaccinate. All’inizio di ottobre, le persone sopravvissute a una precedente infezione avevano tassi di casi più bassi rispetto alle persone che erano state solamente vaccinate.

Non sorprende che il CDC abbia esortato tutti gli americani a vaccinarsi, indipendentemente dalle infezioni precedenti. Ciò è coerente con le precedenti posizioni dell’agenzia.

Sebbene l’epidemiologia di COVID-19 possa cambiare con l’emergere di nuove varianti, la vaccinazione rimane la strategia più sicura per evitare future infezioni da SARS-CoV-2, ricoveri, sequele a lungo termine e morte. La vaccinazione primaria, le dosi aggiuntive e le dosi di richiamo sono raccomandate per tutte le persone idonee. Ulteriori raccomandazioni future per le dosi di vaccino potrebbero essere giustificate man mano che i livelli di virus e immunità cambiano.

Ma se si scava ulteriormente nel rilascio, si ottiene un quadro più chiaro di come l’immunità vaccinale e l’immunità naturale si accumulino.

Durante l’intero periodo di studio, le persone con immunità derivata da vaccino e infezione hanno avuto tassi di ospedalizzazione molto più bassi rispetto a quelli nelle persone non vaccinate. Questi risultati suggeriscono che la vaccinazione protegge dal COVID-19 e dal relativo ricovero in ospedale e che sopravvivere a una precedente infezione protegge da una reinfezione. È importante sottolineare che la protezione derivata dall’infezione è stata maggiore dopo che la variante Delta altamente trasmissibile è diventata predominante, in coincidenza con il declino precoce dell’immunità indotta dal vaccino in molte persone (5). Dovranno essere valutati dati simili che tengano conto delle dosi di richiamo e che le nuove varianti, incluso Omicron, circolino.

L’agenzia pubblica per la salute ha permesso al popolo americano di credere nella falsa argomentazione secondo cui l’immunità naturale non funzioni contro il Covid.

Ma quando si analizzano i numeri, si vede che l’immunità naturale da infezioni precedenti, sia nelle popolazioni vaccinate che in quelle non vaccinate, è una potente protezione contro il Covid.

Si potrebbe sostenere che l’immunità naturale da infezioni precedenti sta effettivamente facendo molto del lavoro pesante tra la popolazione vaccinata, come si vedrà di seguito.

LINK ALLO STUDIO : COVID-19 Cases and Hospitalizations by COVID-19 Vaccination Status and Previous COVID-19 Diagnosis — California and New York, May–November 2021 | MMWR (cdc.gov)

Fonte: EventiAvversiNews.it) Consigliamo di leggere anche il seguente articolo di Focus:⤵️

https://www.focus.it/amp/scienza/salute/quanto-dura-immunita-naturale-alla-covid

______________________

[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia MC Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale]

Puoi leggere anche su👇

CARI MEDICI COLLUSI, PRIMA IL GOVERNO VI HA COMPRATI, ADESSO SCARICA LE COLPE SU DI VOI! MA RICORDATE CHE È LADRO CHI RUBA E CHI REGGE IL SACCO!

20 Gennaio 2022 – di Marzia MC Chiocchi

CARI MEDICI VENDUTI (E SPECIFICO….SOLO I VENDUTI) È ARRIVATO IL VOSTRO MOMENTO, QUELLO CHE MOLTI DI NOI, CITTADINI COMUNI, STAVAMO ASPETTANDO! DOPO I MURI ERETTI CONTRO I VOSTRI PAZIENTI, PERORANDO LA CAUSA DEL VACCINO, O SIERO MAGICO PER SOLDI, ADESSO DOVRETE CERCARE DI DIFENDERVI DA CHI VI VUOLE ABBANDONARE, FACENDO RICADERE LE COLPE DELLA “VIGILE ATTESA” SOLO SU DI VOI! AVETE VENDUTO L’ANIMA AL DEMONIO CHE VI HA ADULATI, COME SOLO LUI SA FARE! PER QUATTRO DENARI AVETE DENUNCIATO COLLEGHI, SERI E IN PERFETTA LINEA CON LA MISSIONE CHE I MEDICI DOVREBBERO AVERE! LO FECERO ANCHE QUEGLI EBREI STRONZI, CHE SEGNALARONO I LORO VICINI DI CASA, NEL TENTATIVO DI SALVARE LA LORO ANIMACCIA LURIDA E NAUSEABONDA. CARI MEDICI COLLUSI (E RIBADISCO SOLO I COLLUSI), FATE SCHIFO ANCHE PER L’IGNORANZA MORALE DI BASE, CHE VI ALLONTANA DAL VOSTRO GIURAMENTO! FOSSI IPPOCRATE VI SPUTEREI SENZA SOSTA, PERCHÉ SOLO QUESTO MERITATE. SIETE ARRIVATI AL COLLO D’OCA, DOVE IL FIATO DIVENTA CORTO E L’ARIA IRRESPIRABILE! DOVRETE DIFENDERVI ARRAMPICANDOVI SUGLI SPECCHI A MANI NUDE, E NON AVRETE NEPPURE LA CIAMBELLA DI SALVATAGGIO, PER NUOTARE NEL GRANDE MARE DI CACCA IN CUI SARETE ABBANDONATI! DOPO CHE IL CONSIGLIO DI STATO, SU SPINTA CERTA DEL CASSAMORTARO MINISTRO SPERANZA, HA SOSPESO (E NON RIGETTATO) TACHIPIRINA E VIGILE ATTESA, LIQUIDANDOLA COME “RACCOMANDAZIONE”, POSSO RIDERE?🤣🤣🤣🤣🤣🤣. ADESSO CHIEDETE AIUTO AI PAZIENTI CHE AVETE VESSATO! A BRUTTIIIIII….DICEVA ALBERO SORDI IN UN FAMOSO FILM! MERITATE SOLO CALCI IN BOCCA! SCHIFOSI!!!!!!
NON AGGIUNGO ALTRO, SE NON INVITARVI A GUARDARE E ASCOLTARE ATTENTAMENTE IL VIDEO A SEGUIRE
⤵️⤵️⤵️⤵️⤵️

RIFLESSIONE DELL’AVV. SINAGRA SULLA SOSPENSIONE DELLA SENTENZA DEL TAR PER TACHIPIRINA E VIGILE ATTESA. La PEZZA È STATA PEGGIO DEL BUCO

19 Gennaio 2022 – Redazione

Come tutti ricordano il 15 gennaio scorso il TAR del Lazio in accoglimento del ricorso proposto dinanzi ad esso, ha statuito con sentenza che l’omicidiario protocollo ministeriale “Tachipirina e vigile attesa” non poteva in alcun modo avere valore di imposizione e dunque costringere i medici a non curare secondo vera scienza e coscienza.

Il giubilo è stato giustamente grande perché finalmente dei giudici hanno cominciato a capire o hanno smesso di far finta di non capire.

Tuttavia, l’Avvocatura dello Stato con velocità tale da far vergognare Gatto Silvestro, pare che abbia ottenuto in via urgentissima, e nonostante la domenica di mezzo, un Decreto presidenziale da parte del Consiglio di Stato che ha sospeso l’efficacia della sentenza del TAR.

La cosa ha gettato nello sconcerto una moltitudine di persone come si può leggere nei diversi social, ma la verità è un’altra e che cioè il Consiglio di Stato con il Decreto in questione ha detto la stessa cosa detta nella sentenza del TAR, e forse anche in modo più chiaro e che cioè il famigerato protocollo ministeriale non aveva e non ha alcun effetto vincolante, trattandosi di una semplice e casta raccomandazione che, come tale, in alcun modo può impedire ai medici di curare la patologia Covid secondo le loro autonome scelte terapeutiche.

Questi i fatti, ora le riflessioni.

1. Gridare alla sconfitta e influenzare in tal modo l’opinione pubblica, è un ingiustificato atto di resa che aiuta l’illegittimo governo in carica il quale vuole questo, benché conosca la corretta statuizione del Consiglio di Stato.

2. Stando così le cose suggerisco a tutti coloro i quali sono stati cialtronescamente sospesi dagli Albi degli Ordini Provinciali dei Medici, di impugnare tale sospensione che, sulla base della sentenza del TAR prima e del Decreto presidenziale del Consiglio di Stato dopo, è chiaramente illegittima.

3. Praticamente Roberto Speranza è stato messo con il culo di fuori.

Ed è questa la ragione della ultrasonica velocità con la quale l’Avvocatura dello Stato ha ottenuto il Decreto presidenziale in Consiglio di Stato (velocità mai possibile per un comune cittadino): salvare la faccia a Speranza e al governo, ma l’Avvocatura non è riuscita nel suo intento.

Morale della favola: i medici e i cittadini onesti hanno vinto due volte, al TAR e al Consiglio di Stato.

AVV. AUGUSTO SINAGRA

IL CONSIGLIO DI STATO SALVA LA VIGILE ATTESA E IL PARACETAMOLO. SOSPESA LA SENTENZA DEL TAR

19 Dicembre 2022 – Redazione Co.Te.Li – Fonte:Byoblu

Il Consiglio di Stato ha sospeso la sentenza del Tar del Lazio del 16 gennaio che aveva annullato la controversa circolare sulle terapie domiciliari per il Covid.
La circolare in questione è quella del 26 aprile, che sostituiva e aggiornava quella pre-esistente del 30 novembre 2020. Nonostante i progressi fatti nella cura della malattia, e le esperienze mediche accumulate nei mesi, anche in questo aggiornamento non era indicata alcuna terapia per i casi lievi, ovvero fasi iniziali, della malattia. 

Si tratta della contestata vigile attesa con eventuale prescrizione del paracetamolo (Tachipirina) in caso di febbre. 
lo

L’esperienza clinica di tale trattamento di tipo sintomatico aveva evidenziato come proprio l’attendismo dal verificarsi dei primi sintomi anche lievi ne favoriva l’aggravarsi nel giro di qualche giorno. Inoltre l’uso di paracetamolo negli infetti da Sars Cov-2 era indicato come principale causa del consumo di glutatione, una sostanza presente nell’organismo indispensabile al sistema immunitario specialmente in presenza di malattie polmonari. 

In altre parole è stato accertato che il paracetamolo nello svolgere la sua azione antipiretica, predisponeva maggiormente l’organismo all’attacco del virus con la conseguente “tempesta di citochine”.

Il Tar del Lazio aveva accolto il ricorso del Comitato cure domiciliari sospendendo la circolare del ministero. In particolare il tribunale amministrativo aveva evidenziato come tale circolare fosse in contrasto con l’attività professionale demandata al medico in termini di scienza e deontologia professionale. 

Oggi però con un decreto monocratico firmato dal presidente Franco Frattini, il Consiglio di Stato, a cui si era appellato il dicastero del ministro Roberto Speranza, ha sospeso la decisione del Tar.
La decisione troverebbe fondamento nel fatto che nella circolare non vi fossero delle prescrizioni ma solamente delle ‘raccomandazioni’, cioè ad indicare comportamenti che secondo il ministero rappresentavano “le migliori pratiche”. 

In questo senso la Consulta si è espressa contro la decisione del Tar “non emerge alcun vincolo circa l’esercizio del diritto-dovere del medico di scegliere in scienza e coscienza la terapia migliore, laddove i dati contenuti nella circolare sono semmai parametri di riferimento circa le esperienze in atto nei metodi terapeutici a livello anche internazionale”

________________________

[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia MC Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale]

Puoi leggere anche su 👇