SCANDALO A OSTIA: SCHEDE E VOTANTI NON COINCIDONO. COMMISSARIATA LA SEZIONE

(di Alessandro della Guglia – Fonte: il primato nazionale.it)

Roma, 6 ottobre 2021 – Schede che non corrispondono con il numero dei votanti e addirittura schede di altri municipi convalidate. Parlare di caos elettorale a Ostia sarebbe eufemistico, perché in realtà è venuto a galla uno scandalo che fa pensare a brogli sconcertanti con tanto di commissariamento di uno sezione.

Ostia, lo scandalo delle schede elettorali

“Durante lo spoglio elettorale di questi giorni – denunciala candidata del centrodestra, Monica Picca, assieme a Simonetta Matone – abbiamo riscontrato delle anomalie presso il seggio n.1850. Uncaos totale, dove solo grazie alle nostre segnalazioni si è giunti al commissariamento del seggio su indicazione del presidente e gli atti saranno consegnati alla Corte d’Appello. Una competizione elettorale sana non dovrebbe generare tali episodi”.

Nonostante il conteggio ripetuto diverse volte, le schede votate domenica e lunedì non corrispondevano ai cittadini votanti. Così grazie alla segnalazione di Picca, le buste sono state chiuse e quindi inviate al seggio centrale. Un episodio senza alcun dubbio gravissimo insomma, verificatosi nella sezione 1850 della scuola Amendola di via dell’Idroscalo, dove non sono mancati peraltro momenti di tensione.

Quelle schede gettate nel cestino

Alcuni rappresentanti di lista hanno richiesto l’intervento della polizia al fine di acquisire le immagini registrare dalle telecamere di videosorveglianza e soltanto a quel punto è saltato fuori che alcune schede erano state addirittura gettate in un cestino insieme alle cartacce.

Adesso il giudice chiamato a presiedere il seggio centrale ha preso in consegna la richieste di conteggio. “Vogliamo vederci chiaro – dice Picca – Gli organi deputati ai controlli chiariscano questo stranofenomeno delle schede scomparse e poi riapparse”. Ma se quello di Ostia è il caso più sconcertante, ieri a Romasono andati in scena diversi episodi imbarazzanti. Tra schede e registri sbagliati, verbali con i prestampati mancanti ed elenchi di candidati fuori dai seggi stampati male.

______________________
[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di medici ed avvocati, formatosi con l’unico intento di collaborare per la ricerca e condivisione della Verità sui principali fatti di rilevanza sia nazionale, che europea, che mondiale]

Puoi leggere anche su👇

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *