CAGLIARI: TAVOLINI ALL’APERTO ANCHE PER LA STAGIONE INVERNALE. IL SINDACO MESSO ALLE STRETTE DAGLI ESERCENTI

di Marzia MC Chiocchi

tavolini all’aperto per bar e ristoranti sono autorizzati sino a marzo 2022, provvedimento che di allungherà automaticamente, per il conseguente arrivo della stagione primavera/estate. La Giunta di Cagliari guidata dal sindaco Paolo Truzzu ha fatto, dunque, marcia indietro dopo le polemiche dei giorni scorsi, quando agli esercenti era stato recapito l’ordine di sbaraccare il suolo pubblico occupato senza pagare. Il provvedimento, quindi, fa capire come i commercianti siano preoccupati dall’uso del green pass, non in possesso di tutti (grazie agli svegli e agli informati che non cedono ai ricatti), che farebbe crollare affari e guadagni.

Quando cerchiamo di far capire che il popolo può esercitare un enorme potere sulla vita politica e non solo, non ci sbagliamo e con più forza lo ribadiamo. Il Parlamento, e in questo caso il Sindaco, sono eletti grazie al voto dei cittadini tche scelgono i loro rappresentanti, che devono mantenere le promesse fatte, lavorando per il bene del popolo. Se non e’ così, gli elettori hanno dovere e diritto di opporsi nei termini di legge a loro consentiti, che non sempre si rendono conto o si ricordano di avere. Occorre vigilare senza remore su coloro che abbiamo eletto come nostri rappresentanti di governo a vari livelli, perché costantemente sottoposti a forme di corruzione appetibili, e di servilismo ai poteri forti, di fronte alle quali, raramente si tirano indietro! E’ ARRIVATO IL MOMENTO DI FAR PROPRIO IL CONCETTO! E CAGLIARI SI E’OPPOSTA!

Paolo Truzzu sindaco di Cagliari

Tornando alla notizia, gli esercenti cagliaritani hanno così chiesto all’amministrazione comunale un ulteriore sforzo per compensare l’obbligo di limitare i posti al chiuso adeguandosi alle disposizioni anti-Covid. Resta tuttavia aperta la questione delle pedane, la cui rimozione sembra necessaria per motivi di sicurezza. Ma la soluzione pare sia stata trovata dagli esercenti stessi. La trattativa è aperta, anche per ottenere un abbattimento dei costi sostenuti dai titolari delle attività commerciali per organizzare gli spazi. Il sindaco sta lavorando a una soluzione che non scontenti nessuno, anche perché le tasse degli esercizi commerciali in attività rappresentano il maggiore introito per le casse dell’erario comunale, oltre che la ricchezza e il Pil di un territorio.
Il provvedimento e’ stato applicato in numerose città’.

______________________
[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di medici ed avvocati, formatosi con l’unico intento di collaborare per la ricerca e condivisione della Verità sui principali fatti di rilevanza sia nazionale, che europea, che mondiale]

Puoi leggere anche su👇

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *