Cagliari, Carlotta morta a 27 anni da una miocardite. Era vaccinata con doppia dose

29 novembre 2021 – di Redazione Co.Te.L.I.

CAGLIARI – Un arresto cardiaco con edema polmonare legato ad una miocardite. Per averne la certezza bisognerà attendere gli esami istologici, ma pare essere questo il quadro emerso ieri al termine dell’autopsiasul corpo di Carlotta Masala, 27 anni, cagliaritana, trovata morta dal padre martedì mattina nella casa di Sestu dove vivevano.

Il magistrato di turno era stato avvisato dai carabinieri subito dopo il ritrovamento del corpo senza vita della giovane
, quando i sanitari del 118 aveva ritenuto la morte per «cause naturali», ma poi dopo qualche ora erano emersi alcuni interrogativi. A pretendere risposte più precise, straziato dal dolore, era stato subito il padre della 27enne, Francesco Masala, 60 anni, che avrebbe chiesto sia ai carabinieri che alla dottoressa intervenuta nell’abitazione di capire cosa avesse causato la morte della figlia. Una ragazza sportiva, solare e che sino a quel momento era sempre stata benissimo. 

Stando alle prime indiscrezioni filtrate ieri sera da ambienti sanitari l’autopsia avrebbe evidenziato una dilatazione dei ventricoli del cuore. Una condizione che, se confermata dagli anatomopatologi del Santissima Trinità, necessiterà ancora capire se sia stata dipesa da una malformazione cardiaca già presente da tempo, oppure se legata ad una patologia insorta negli ultimi mesi. In ogni caso il referto dell’autopsia sarà poi spedito in Procura al pubblico ministero Maria Virginia Boi che, sin dal primo giorno, ha seguito da vicino l’intera vicenda. La giovane era tornata a casa lunedì con un amico e poi la mattina dopo era stata trovata sul divano senza vita dal padre. Lo ha riportato ieri l’Unione Sarda.

La morte di Carlotta Masala ha causato un grande sgomento sia nei parenti che tra i tanti amici cagliaritani che la conoscevano e che hanno invaso i social con messaggi di cordoglio e sincera sofferenza.

________________________
[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di medici ed avvocati, formatosi con l’unico intento di collaborare per la ricerca e condivisione della Verità sui principali fatti di rilevanza sia nazionale, che europea, che mondiale]

Puoi leggere anche su👇

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *