ULTIM’ORA: DJOKOVIC ATTERRATO IN AUSTRALIA MA BLOCCATO SULL’AEREO PERCHÉ NON VACCINATO

05 gennaio 2022  – di Redazione

Ventiquattro di fuoco per Novak Djokovic, che ora si trova bloccato sull’aereo che lo ha portato in Australia. Le autorità locale non hanno intenzione di farlo sbarcare, perché non ha il vaccino. Fino a poche ore fa sembrava inimmaginabile un’ipotesi del genere, ma dopo le parole pronunciare dal Ministro dello Sport c’era invece da aspettarsi lo stop al numero 1 ATP che ora sarà furioso e attende di mettere piede sul suolo australiano.

La testata australiana ‘The Age’ ha riferito che attorno alle 23:30 ora locale (13:30 ora italiana), il volo con Djokovic a bordo è atterrato, ma i funzionari federali hanno bloccato il tennista. Lo hanno fatto perché hanno notato che la sua richiesto di visto per entrare nel Paese era sbagliata. Così le autorità hanno sentito il Dipartimento dello Stato di Victoria chiedendo di sostenere la sua domanda, la il Dipartimento di Stato si è rifiutato, dando fede così alle parole del ministro dello Sport, Jaala Pulford: “Non forniremo a Novak Djokovic supporto per la richiesta di visto individuale per partecipare all’Australian Open 2022. Siamo sempre stati chiari su due punti: l’approvazione dei visti è di competenza del governo federale e le esenzioni mediche sono di competenza dei medici”.

In attesa di un’ulteriore colpo di scena, Djokovic resta bloccato in aereo. Sulla sua esenzione medica, che ha provocato enormi polemiche, anche se è stata motivata pure dal direttore del torneo, ha detto la sua anche il Premier australiano Scott Morrison che è stato durissimo: “Chiunque entri in Australia deve rispettare i requisiti di frontiera. Novak Djokovic, se non è vaccinato, dovrà fornire motivazioni accettabili e prove a sostegno. Se queste prove saranno insufficienti, non sarà trattato in modo diverso da nessun altro e tornerà a casa con il primo aereo. Ci sono stati altri casi, ce ne sono stati parecchi negli ultimi due anni in cui persone hanno avuto esenzioni e hanno fornito le prove adeguate per sostenere la loro richiesta. Quello che posso garantire è che non ci saranno regole speciali per Novak Djokovic”.

_______________________

[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di professionisti (insegnanti, economisti, medici, avvocati, ecc.) formatosi con l’unico intento di collaborare per la difesa della libertà di espressione (art. 21 della Costituzione Italiana e art. 11 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea) e per la ricerca e condivisione della verità sui principali argomenti e fatti di rilevanza sia locale che globale]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *