C’ERA…..UNA SCUOLA!

( dalla DAD al Maxi Orale dell’esame di Terza Media )

di Clorinda Raponi ( Insegnante di Scuola Media )

Si dice che Historia magistra vitae”, la storia sia maestra di vita; allora, noi, abbiamo imparato poco o dimenticato molto. La questione, in questo momento scottante all’interno del panorama scolastico, non è più tanto la DAD, la famosa Didattica a Distanza, temuta o esaltata, osteggiata o osannata, ma l’esame conclusivo del primo ciclo di studi, ovvero l’esame di terza media.

La DAD è stata ed è una metodologia didattica, necessaria e funzionale, in un momento delicato e difficile per portare avanti il programma scolastico, per non perdere il contatto non solo cognitivo, ma anche emotivo, con gli alunni e per scandire loro la giornata. Sicuramente come da tutti riscontrato, svolgere le lezioni in DAD, non è come in presenza, poiché manca tutta l’immediatezza  e la ricchezza del calore umano, delle relazioni e della spontaneità.

La Dad è solo la punta di un iceberg che deve riscoprire le proprie radici nella scrittura e nella lettura, utilizzando come strumenti non il computer e una connessione Internet ma la testa, la mano, la penna e tanto olio di gomito, ovvero impegno, fatica, dedizione ed esercizio. Per non nuocere alla salute, la DAD va assunta a piccole dosi e sotto lo stretto controllo medico, ma se in essa riesco a vedere un’utilità didattica e in fondo in fondo pedagogica, nel Maxi Orale dell’esame finale di terza media vedo solo tanta superficialità, approssimazione e amarezza.

Come lo scorso anno, a distanza di 365 giorni, è stata riproposta pari pari la formula della prova unica, consistente in un colloquio orale, previa consegna di un elaborato scritto, relativo ad un argomento di studio concordato dal singolo alunno con il beneplacito del Consiglio di Classe. Vista la riuscita fallimentare e a dir poco grottesca, dello scorso anno scolastico, con tesine scopiazzate la cui paternità era riconducibile a Wikipedia o ad un parente prossimo, ci si aspettava che quest’anno, almeno, la conclusione del percorso scolastico fosse di ben altra natura. Mi chiedo ancora oggi: “Non era possibile far svolgere ai ragazzi di terza media almeno le prove scritte in presenza e in sicurezza?”, magari investendo su test rapidi da far eseguire ai candidati d’esame un tot di ore prima della prova scritta? E’ una procedura adottata da programmi televisivi, dal mondo dello sport e perfino dalle attività ludiche e ricreative come concerti… ed era proprio così oneroso o dispendioso applicarlo al primo e vero esame della vita dei nostri ragazzi? A maggior ragione, a giugno, le scuole sono deserte e gli spazi liberi non mancano per svolgere le prove. Al limite, potevano essere utilizzati anche i corridoi, le palestre o gli ambienti esterni, inoltre, i professori, che costituiscono la commissione d’esame, al contrario di quelli delle superiori, sono membri interni, gli stessi che hanno seguito i ragazzi per tutto l’anno scolastico, così come il Presidente della Commissione è il dirigente stesso dell’Istituto, che come ha gestito in modo esemplare la situazione di un anno difficilissimo, sicuramente non sarebbe entrato in crisi, nel programmare e  gestire tre giorni di prove scritte: italiano, matematica e lingue. Nella vita ci sono delle tappe evolutive, dei banchi di prova da affrontare per diventare “grandi”, ancora in alcune società ci sono dei riti iniziatici, necessari per entrare e affrontare l’età adulta e secondo me l’esame finale di terza media è proprio questo. E’ la prima occasione per un ragazzo, da quando è stato abolito quello delle elementari, per confrontarsi con le proprie capacità, superare le proprie paure, saggiare i propri limiti, tastare le proprie abilità, per uscirne più sicuro, fortificato e padrone del proprio futuro. Se proprio noi adulti, continuiamo a spianare loro la strada, semplificare i percorsi e agevolare loro il cammino non impareranno mai a reagire di fronte le difficoltà, non acquisiranno mai gli strumenti per cavarsela nella vita e risolvere i problemi e rimarranno vittime delle loro stesse paure.

Un commento su “C’ERA…..UNA SCUOLA!”

  1. Spunto di riflessione interessante. Con la DAD si stanno purtroppo perdendo tutti i momenti istituzionali della scuola, i quali, oltre ad avere un ruolo formativo delle giovani menti, permettono di far crescere i giovani. Come si afferma nell’articolo, la DAD andrebbe assunta in piccole dosi e comunque mai a sostituzione della didattica in presenza. Sì alla DAD, ma solo come supporto ulteriore allo stare fisicamente in aula.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *