L’informazione malata

FONTE: Giuseppe Giulietti

Caro direttore, Ti chiedo di essere sollevata dall’incarico di conduttrice del tg 1 della notte. Ritengo non sia più possibile per me rappresentare un telegiornale che, secondo la mia opinione, ogni giorno rischia di violare i più elementari  doveri dell’informazione pubblica: l’equilibrio, l’imparzialità, la correttezza, la completezza…”


Così  il 19 aprile 2017 la giornalista del Tg 1 Elisa Anzaldo, aveva scritto al suo direttore Minzolini, manifestando un disagio professionale e civile profondo e doloroso per chi in quella testata ha speso tanta parte della vita.
La lettera in un primo momento non ricevette risposta così, Elisa Anzaldo,
prese carta e penna e riscrisse, a suo dire, fedele al suo ruolo di scrupolosa cronista, la  denuncia con altri fatti spariti o resi incomprensibili.

Ma noi, oggi, pubblichiamo un video in cui l’Anzaldo spiega tutto quello che accade in una redazione Rai, e non solo quella, che personalmente sottoscrivo, avendo lavorato per oltre 20 anni in questa Realtà

Queste, alcune delle osservazioni della Anzaldo, alla fine delle quali, con grande fermezza, conferma da una parte le sue dimissioni dalla conduzione del tg 1 della notte, dall’altra la sua volontà di restare a lavorare in redazione, come caposervizio alla cronaca e di voler  continuare a proporre anche quelle notizie che non vengono considerate tali dalla direzione”.

Senza strumentalizzare in modo alcuno questa testimonianza che, purtroppo, conferma quanto avevano denunciato Maria Luisa BusiTiziana Ferrario che insieme ai Piero da Mosso, ai Raffaele Genha, ai Paolo  Di Giannantonio, ai Massimo de Strobell, sono già stati messi in condizione di andarsene, oppure stanno aspettando che sia il giudice a riconoscere le loro ragioni professionali.

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

TUTTO QUESTO A CONFERMA CHE IL MAINSTREAM E’ PILOTATO DALLA POLITICA, NON RACCONTA LA VERITÀ O SI LIMITA ALLE MEZZE VERITÀ’.

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

Questo iniziativa è appoggiata e condivisa dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di medici ed avvocati, formatosi con l’unico intento di collaborare per la ricerca e condivisione della Verità sui principali fatti di rilevanza sia nazionale, che europea, che mondiale

Un commento su “L’informazione malata”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *