SMASCHERATE LE FALSE NOTIZIE DI GALLI E BASSETTI. CUMULO DI BUGIE SU COVID E BAMBINI

14 Novembre 2021 – Redazione Co.Te.Li – Fonte: Il Paragone

CONTINUA LO SMASCHERAMENTO DEI MEDICI PIÙ VIP DEL MOMENTO, MATTEO BASSETTI E MASSIMO GALLI. QUEST’ULTIMO ANCORA IN AUGE NONOSTANTE LE INDAGINI A SUO CARICO PER CONCORSO TRUCCATO! OCCORRE FARE ATTENZIONE CARI CATTEDRATICI BARONI DEI NOSTRI STIVALI! PERCHÉ, CON FACILITÀ, I CONTI POSSONO DIVENTARE CONTESSE, E ALLORA SAI CHE FIGURACCE?!!! EH…MA VI INCAMMINERETE PIANO PIANO SUL VIALE DEL TRAMONTO! NOI CHE NON CREDIAMO A VOI, ATTENDIAMO CON FIDUCIA. NEL FRATTEMPO…ECCO LA NOTIZIA

Durante una puntata di Stasera Italia, trasmissione condotta da Barbara Palombelli, Massimo Galli, infettivologo in pensione del Sacco di Milano, ha dichiarato:Questa dannata variante, che ha preso piede in tutto il Paese e che è diventata assolutamente dominante, ha come caratteristica una grande capacità di infettare anche bambini e adolescenti. Avendo questa capacità, che non aveva ad esempio la variante arrivata per prima, o comunque più diffusa inizialmente in Italia, la 614C, è chiaro che sui grandi numeri essa farà dei morti”. Eppure stando a quanto riporta NicolaPorro.it, i dati dell’indagine di sieroprevalenza, realizzata tra la primavera e l’estate del 2020 dal ministero della Salute e dall’Istat, sembrano smentirlo.

Da tale indagine si è stimato che fino al periodo citato, quando ancora non vi era traccia della variante delta, la fascia di età 0/17 anni sfiorava i 200mila casi, rispetto ai circa 220mila della fascia 18/34 o ai quasi 200mila della fascia 60/69. In rapporto alla popolazione complessiva i bambini e gli adolescenti, con il 2,2% di infettati, risultavano pressoché in linea con le altre fasce di età, che al massimo raggiungevano il 3,1%. Ora si registra un aumento dei contagiati più giovani, ma ciò, NON corrisponde ad una significativa crescita dei casi gravi, ancora del tutto marginali.

A Massimo Galli si affianca, nel “terrorismo mediatico” , anche il primario del reparto di malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, Matteo Bassetti, che nei giorni scorsi era ad una festa tra amici senza mascherina e distanziamento. Durante la puntata del programma “Piazza Pulita” andata in onda su la7 giovedì scorso, Bassetti (lo riporta l’Indipendente) ha affermato che i bambini devono essere vaccinati perché, in base ai dati dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), «nella fascia tra i 6 e i 10 anni sono stati ricoverati circa 1100 bambini e la mortalità nei loro confronti è di 5 su 1000» mentre nella fascia successiva (11-13 anni) vi sono state «861 ospedalizzazioni, cosa che fa sì che la mortalità sia praticamente dell’1%».

Ma dai dati dell’ISS si apprende che dall’inizio della sorveglianza relativa ai pazienti deceduti e positivi al Covid a morire nella fascia di età 0-19 anni sono state 35 persone. In tal senso siccome da 0 a 19 anni in Italia ci sono circa 10.000.000 individui, la mortalità risulta aggirarsi intorno allo 0,0003%, e non all’1% citato da Bassetti. La letalità invece è pari allo 0,01%. C’è una differenza tra mortalità e letalità: la percentuale relativa alla prima deriva dal rapporto tra il numero dei morti e la quantità della popolazione media (dunque anche quella non risultata positiva al virus). Quella relativa alla seconda, invece, deriva dal rapporto tra i morti e il totale dei soggetti ammalatisi.

Solo Maddalena Loy della Rete Nazionale Scuole in presenza ha obiettato ai dati proposti da Bassetti, ricordando come i dati a nostra disposizione ci dicano che «la percentuale sui decessi da 0 a 19 anni è dello 0,0003%» ed ha definito un «dato inventato» quello della mortalità dell’1% nei bambini citato da Bassetti, che si è poi limitato a correggere le sue dichiarazioni parlando dello «0,9%». Altra percentuale che però, alla luce dei dati la percentuale relativa alla prima deriva dal rapporto tra il numero dei morti e la quantità della popolazione media (dunque anche quella non risultata positiva al virus), risulta comunque essere frutto quantomeno di un errore di comprensione …

_______________________
[Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, tra cui le fondatrici Marzia  Chiocchi di Mercurius5.it e Monica Tomasello di CataniaCreAttiva.it, supportati da un team di medici ed avvocati, formatosi con l’unico intento di collaborare per la ricerca e condivisione della Verità sui principali fatti di rilevanza sia nazionale, che europea, che mondiale]

Puoi leggere anche su👇

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *