Posts Tagged
‘Tar’

Home / Tar

26 Febbraio 2022

L’obbligo vaccinale può davvero essere compatibile con la Costituzione italiana? O si tratta di una norma che viola i suoi principi, calpestando i diritti e le libertà dei cittadini? Una domanda che sarà al centro del dibattito giuridico per molti mesi, con la Consulta chiamata a pronunciarsi dopo che il Tar della Lombardia ha sollevato la questione di legittimità costituzionale per l’articolo 4 del decreto legge 44 del 1 aprile 2021, quello che prevede la sospensione dei lavoratori del settore sanitario non vaccinati. E che di sicuro sarà costretta a esprimersi altre volte ancora.

Non c’è, infatti, soltanto il personale medico. A dover obbedire a un’imposizione dall’alto in materia sanitaria sono anche gli insegnanti, i dipendenti delle forze armate e i cittadini con più di 50 anni: per tutti loro, in caso di mancata vaccinazione, sono previste sanzioni. Con annunci di ricorsi già arrivati da ogni Regione d’Italia. Non resta che chiedersi, a questo punto: quale sarà il risultato dei vari casi in cui i giudici invocheranno la pronuncia della Consulta per capire se l’obbligo vaccinale è compatibile con la Costituzione?

A dare una prima risposta è stato il giornalista Francesco Carraro attraverso le pagine del Fatto Quotidiano. Ricordando come l’articolo 32 della Costituzione reciti: “Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge”. Secondo lo scrittore, l’obbligo vaccinale è condizionato da una riserva di legge solo in apparenza: “Può essere imposto esclusivamente in virtù di un atto avente forza di legge. Non, quindi, da un regolamento o da un qualsivoglia atto collocato in posizione subordinata (rispetto alle leggi dello Stato) nella gerarchia delle fonti”.

Lo stesso articolo 32 specifica poi che “la legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”. La Costituzione detta anche un limite sostanziale: un eventuale obbligo vaccinale non può prevaricare la dignità della persona umana. Secondo Carraro, “non v’è dubbio che privare, se non del lavoro tout court, anche solo dello stipendio (indispensabile per vivere) un lavoratore non pare affatto in sintonia né con l’articolo 32 né con gli articoli 1 e 2 della stessa Costituzione”. Il verdetto? “Con questi numeri, e alla luce delle premesse di cui sopra, dubito che la Corte Costituzionale potrà dare il suo placet all’obbligo, sia pure limitato, per categorie professionali o per classi di età”.

Fonte: IlParagone

20 Gennaio 2022 – di Marzia MC Chiocchi

CARI MEDICI VENDUTI (E SPECIFICO….SOLO I VENDUTI) È ARRIVATO IL VOSTRO MOMENTO, QUELLO CHE MOLTI DI NOI, CITTADINI COMUNI, STAVAMO ASPETTANDO! DOPO I MURI ERETTI CONTRO I VOSTRI PAZIENTI, PERORANDO LA CAUSA DEL VACCINO, O SIERO MAGICO PER SOLDI, ADESSO DOVRETE CERCARE DI DIFENDERVI DA CHI VI VUOLE ABBANDONARE, FACENDO RICADERE LE COLPE DELLA “VIGILE ATTESA” SOLO SU DI VOI! AVETE VENDUTO L’ANIMA AL DEMONIO CHE VI HA ADULATI, COME SOLO LUI SA FARE! PER QUATTRO DENARI AVETE DENUNCIATO COLLEGHI, SERI E IN PERFETTA LINEA CON LA MISSIONE CHE I MEDICI DOVREBBERO AVERE! LO FECERO ANCHE QUEGLI EBREI STRONZI, CHE SEGNALARONO I LORO VICINI DI CASA, NEL TENTATIVO DI SALVARE LA LORO ANIMACCIA LURIDA E NAUSEABONDA. CARI MEDICI COLLUSI (E RIBADISCO SOLO I COLLUSI), FATE SCHIFO ANCHE PER L’IGNORANZA MORALE DI BASE, CHE VI ALLONTANA DAL VOSTRO GIURAMENTO! FOSSI IPPOCRATE VI SPUTEREI SENZA SOSTA, PERCHÉ SOLO QUESTO MERITATE. SIETE ARRIVATI AL COLLO D’OCA, DOVE IL FIATO DIVENTA CORTO E L’ARIA IRRESPIRABILE! DOVRETE DIFENDERVI ARRAMPICANDOVI SUGLI SPECCHI A MANI NUDE, E NON AVRETE NEPPURE LA CIAMBELLA DI SALVATAGGIO, PER NUOTARE NEL GRANDE MARE DI CACCA IN CUI SARETE ABBANDONATI! DOPO CHE IL CONSIGLIO DI STATO, SU SPINTA CERTA DEL CASSAMORTARO MINISTRO SPERANZA, HA SOSPESO (E NON RIGETTATO) TACHIPIRINA E VIGILE ATTESA, LIQUIDANDOLA COME “RACCOMANDAZIONE”, POSSO RIDERE?🤣🤣🤣🤣🤣🤣. ADESSO CHIEDETE AIUTO AI PAZIENTI CHE AVETE VESSATO! A BRUTTIIIIII….DICEVA ALBERO SORDI IN UN FAMOSO FILM! MERITATE SOLO CALCI IN BOCCA! SCHIFOSI!!!!!!
NON AGGIUNGO ALTRO, SE NON INVITARVI A GUARDARE E ASCOLTARE ATTENTAMENTE IL VIDEO A SEGUIRE
⤵️⤵️⤵️⤵️⤵️

Secondo il Tar del Lazio le misure urgenti del Governo Draghi “per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19” non comportano un pregiudizio irreparabile per i cittadini

Il ricorso non evidenzia circostanze che consentano di stabilire se e quale pregiudizio irreparabile potrebbe subire parte ricorrente dal provvedimento impugnato”. Con questa motivazione la prima sezione del Tar del Lazio ha respinto la domanda cautelare per l’annullamento del decreto green pass varato dal Governo Draghi presentata dagli avvocati cagliaritani Francesco Scifo e Linda Corrias, insieme ai colleghi Laura Mana, Francesco Cinquemani, Roberto Zappia ed Eleonora Leoncini

Nei giorni scorsi i due legali avevano sollevato una questione di legittimità costituzionale per una presunta violazione degli articoli 2, 3 e 13 della Carta Costituzionale, ritenendo  “discriminatoria e contraria alla dignità umana” la normativa varata dal Governo “per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19”.

I giudici amministrativi non sono stati evidentemente di quell’avviso e questa mattina hanno bocciato l’istanza, ritenendo che, almeno allo stato, non sussistano i requisiti per la concessione della tutela cautelare.

Nel procedimento avviato dagli avvocati si erano costituiti la Presidenza del Consiglio dei Ministri e i Ministeri della Salute, dell’Interno e dell’Economia e Finanze. A sostegno dei ricorrenti erano intervenuti anche il Codacons, l’Associazione Italiana per i Diritti del Malato e del Cittadino e numerosi cittadini.

Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, fra cui anche Marzia Chiocchi di Mercurius5, e Monica Tomasello di Catania CreAttiva, supportati da un team di medici ed avvocati, formatosi con l’unico intento di collaborare per la ricerca e condivisione della Verità sui principali fatti di rilevanza sia nazionale, che europea, che mondiale]

Puoi leggere questo articolo anche su👇

https://cataniacreattiva.it/respinto-il-ricorso-al-tar-per-abolire-il-green-pass-ma-non-finisce-qua/

FONTE: Avv. Alberto Rizzo

Presso il Tribunale capitolino, grazie al ricorso promosso dagli Avvocati Linda Corrias e Francesco Scifo, si discuterà – il prossimo 3 agosto – la richiesta di abolizione del green pass.
Con gli Avvocati Roberto Zappia, Francesco Cinquemani, Laura Mana ed Eleonora Leoncini (https://youtu.be/vaOP5JCBGLU), è stato predisposto l’intervento ad adiuvandum, per supportare l’azione legale che ha come obiettivo l’abolizione del green pass. Chiunque può aderire al ricorso.

È sufficiente scrivere a: inforicorsoadiuvandum

Verranno, in risposta alla mail, fornite tutte le istruzioni per aderire alla causa.
L’azione punta a raccogliere quante più Persone possibili, accumunate dalla volontà di difendere le nostre libertà costituzionali ed i diritti fondamentali. Il termine per l’adesione scadrà questa sera 31 Luglio 2021. C’è ancora qualche ora per poter aderire

ESISTE ANCORA LO STATO DI DIRITTO?

È una domanda che molti si pongono a causa delle continue proroghe dello stato di emergenza, della marginalizzazione del Parlamento, esautorato da una alluvione di atti amministrativi, quali i DPCM, solo formalmente coperti da generici decreti legge  e dalla compressione dei diritti e delle libertà dei Cittadini, sottoposti a penetranti controlli e pesanti sanzioni. Ed è una domanda che tanti Cittadini si pongono dopo l’adozione del Decreto Legge che consente l’ingresso ad eventi sportivi, congressi, musei, teatri, cinema, concerti, bar, ristoranti, piscine, palestre, solo a chi ha effettuato la terapia genica anticovid, o ha un tampone negativo, o è in possesso del cosiddetto green pass.

LA DISCRIMINAZIONE INTRODOTTA E ADOTTATA PER DECRETO LEGGE

La cosa che sconcerta di più è l’introduzione di un criterio di discriminazione tra Cittadini, introdotta dal Decreto e basato sull’adesione o no a determinati trattamenti sanitari, dei quali chiunque verrebbe a conoscenza per il semplice fatto della presenza fisica in determinati luoghi. Ciò violerebbe sia il diritto alla privacy (diritto inviolabile della Persona, ex art. 2 della Costituzione), sia il principio di eguaglianza sostanziale (art. 3 della Costituzione), ravvisabile nel principio di ragionevolezza, in forza del quale la legge deve regolare in maniera uguale situazioni uguali ed in maniera diversa situazioni diverse.

Il principio di uguaglianza verrebbe violato con una irragionevole discriminazione tra cittadini non vaccinati e cittadini vaccinati, per i quali non sussiste alcuna certezza circa l’immunizzazione, considerato che il Decreto Legge stesso prevede la sottoposizione a quarantena, nel caso di contatti con soggetti positivi.

LA TERAPIA GENICA E’ IN FIERI

Al riguardo, è opportuno osservare che le innovative tecniche di stimolazione genetica con sperimentazione ancora in corso, dovrebbero suggerire particolari cautele sugli eventuali effetti avversi e sulla reale efficacia, atteso che gli stessi produttori e le autorità di vigilanza affermano che non vi è ancora la certezza che il preparato produca l’immunità sterilizzante e interrompa la trasmissione del contagio. Quindi, se non vi è evidenza scientifica sull’immunizzazione, cade il presupposto stesso del green pass, che rivela la sua vera natura d’inaccettabile forma di pressione, pienamente incompatibile con i principi dello Stato di Diritto.

LA SCONCERTANTE POSIZIONE DI DRAGHI SUL GREEN PASS

Il premier Draghi, nella conferenza stampa di presentazione del green pass, ha affermato che non vaccinarsi significa scegliere di morire. Per questo vorrebbe l’obbligatorietà! MA C’E’ TUTTAVIA UNA GRANDE DIFFERENZA A LIVELLO GIURIDICO TRA L’OBBLIGATORIETA’ E LA FACOLTATIVITÀ: COLUI CHE SUBISCE UN DANNO DA VACCINAZIONE OBBLIGATORIA HA DIRITTO AUTOMATICAMENTE AD UN INDENNIZZO DA PARTE DELLO STATO ( LEGGE 210/93). E visto il consenso (formalmente anche a uccidere) che viene fatto sottoscrivere ai Cittadini all’atto della punturina, non è poca cosa sapere di rimanere invalidi – seppure in ipotesi statistiche minimali – con due soldi in tasca.

Il green pass è inapplicabile di fatto, perché costringerà i baristi a fare i poliziotti, e mostruoso di diritto, perché costringerà i giudici a cestinarlo. Adesso la parola passa al TAR Lazio e ciascuno dei lettori di questo articolo potrà aderire a questa fondamentale battaglia di Vita e di Civiltà Giuridica.

RICORDIAMO CHE BASTERÀ INOLTRARE UNA MAIL A QUESTO INDIRIZZO ENTRO STASERA 31 LUGLIO 2021
inforicorsoadiuvandum@gmail

Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.L.I.), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, fra cui anche Marzia Chiocchi di Mercurius5, e Monica Tomasello di Catania CreAttiva, supportati da un team di medici ed avvocati, formatosi con l’unico intento di collaborare per la ricerca e condivisione della Verità sui principali fatti di rilevanza sia nazionale, che europea, che mondiale.