Tremano centinaia di Procure per l’esposto contro i colpevoli delle morti per COVID

La Redazione

Finalmente e’ arrivata la notizia che da tanti mesi attendevamo. Il Comitato Nazionale Gli Angeli per la Salvezza presieduto da Cisco Orlando, dopo attento e certificato lavoro di indagine del Prof. Pier Francesco Belli, che ha impiegato mesi di meticolosa ricerca, ha presentato un esposto in varie procure d’Italia, che accerterebbe, attraverso un’ analisi chiara e puntuale di norme e fatti, responsabilità e colpevoli delle morti (poi classificate erroneamente “morti per covid”) da febbraio 2020 ad oggi.
Nell’articolato testo viene esaminato in modo rigoroso e totalmente documentato la violazione sistematica di norme nazionali e sovranazionali da parte di WHO, UNIONE EUROPEA, e ITALIA.
In particolare si analizza come, dal lato del nostro stato nazionale, con una circolare del Ministero della salute del febbraio 2020 siano state consegnate a tutti i medici del territorio delle check list, il rispetto delle quali imponeva che tutta la sintomatologia respiratoria stagionale dovesse improvvisamente cambiare nome ed essere considerata “Caso sospetto COVID 19”.
Per effetto di tale imposizione diagnostica dettata dall’alto, attribuendo al Covid 19 una genesi virale del virus sconosciuto, ne conseguiva l’indisponibilità di cure/terapie efficaci ed i pazienti giungevano in ospedale in condizioni critiche dove veniva riconfermato l’errore diagnostico ed i pazienti indirizzati verso terapie antivirali, ventilazione meccanica.
In altre parole, larga parte dei decessi (per non dire tutti) si sarebbero potuti evitare ma questo articolato esposto spiega ragioni mediche e giuridiche che hanno stravolto un sistema sanitario già largamente compromesso in favore di logiche di potere e, una volta per tutte, ribalta il tema del negazionismo perché, date le prove schiaccianti contenute in questo testo, si dimostra che ad essere negazionisti sono le istituzioni, gli organi di stampa e il main stream che a fronte di una pura narrazione mai provata dai fatti (il testo dimostra in modo conclamato e con argomentazione scientifica che la pandemia è stata solo narrata ma mai riscontrata) che negano l’evidenza che il Covid 19 nulla è se non una narrazione, appunto, creata ad arte ed imposta con norme illegittime per imporre un nuovo ordine socio economico senza alcun fondamento tecnico o scientifico alla base. Il tutto per arrivare quindi ad una imposizione vaccinale di quella che in realtà altro non è che una terapia genica sperimentale già peraltro condannata dal codice di Norimberga in tempi non sospetti ed oggi artatamente riportata alla ribalta (senza in verità essere mai cessata) con l’uso bieco e strumentale del cd “uso compassionevole”. Asserendo infatti che il vaccino rappresenta l’unica soluzione possibile era necessario individuare una strategia per poterlo somministrare quando ancora in caso di sperimentazione e ciò è stato fatto attraverso l’uso compassionevole. Peraltro la forzatura della vaccinazione di massa oltre a non trovare alcun fondamento dal punto di vista clinico/epidemiologico non è nemmeno sostenibile dal punto di vista normativo laddove peraltro tutte le giurisdizioni sovranazionali e nazionali da sempre hanno legiferato ribadendo il principio di volontarietà della partecipazione alle sperimentazioni che per nessun motivo può essere coercizzata.
Dati quindi i risvolti eclatanti provati tanto in punto di fatto quanto in punto di diritto dallo studio su cui fondano gli esposti presentati a varie procure (tra cui, oltre a quella da noi giunte, quelle di Palermo, Bologna, Roma, Reggio Calabria e Cosenza) questa redazione si ripromette di seguire gli sviluppi della vicenda da vicino per fornire ai cittadini una lettura finalmente chiara e non partigiana di ciò che davvero c’è dietro alla narrazione di una pandemia mai avvenuta.

Roma, 16 Luglio 2021

Questo articolo è condiviso dal Comitato Tecnico Libera Informazione (Co.Te.Li), che vede la collaborazione di diversi giornalisti e blogger, supportati da un team di medici e avvocati, formatosi con l’unico intento di collaborare per la ricerca e condivisione della Verita sui principali fatti di rilevanza sia nazionale, che europea, che mondiale.

potete leggere l’articolo anche sul canale Telegram https://t.me/ComEtiSSicilia

e su:

VACCINI CON PLACEBO? SEMBRA DI SI

di Fabio d’Angelo

I vaccini sono in sperimentazione clinica?

Sembra di si, ma non solo, risulterebbe che Astrazeneca sia con placebo, a doppio cieco ed a singolo con Pfizer, Moderna e Janssen. Tutte le case produttrici avrebbero l’obbligo di presentare la relazione finale fra fine 2022, fine 2023 ed inizio 2024. Queste cose sono scritte nelle determine di approvazione delle sperimentazioni cliniche, rilasciate all’AIFA. Si tratta, rispettivamente, delle determine n.154 del 23 dicembre 2020 per Pfizer (C4591001), N.1 del 07 gennaio 2021 per Moderna (mRNA-1273-P301), n.18 del 31 gennaio 2021 per Astrazeneca e n. 49 del 27 aprile 2021 per Janssen (VAC31518COV3001).

Il prospetto della tabella di scadenze di presentazione e degli step clinici ed il fatto che si tratterebbe di sperimentazioni cliniche randomizzato con uso placebo in cieco per osservatore, sono trascritti sic et simpliciter, anche nelle schede tecniche dei medicinali autorizzati. L’unica eccezione e’ la scheda tecnica di Astrazeneca che menziona, solamente, il numero della sperimentazione autorizzata. Per Astrazeneca, quindi, si e’ proceduto ad una ricerca sul codice di autorizzazione n. D8110C00001, da cui e’ emerso un provvedimento di adesione del sant’Orsola di Bologna a quello studio clinico. Nel provvedimento dell’ospedale bolognese, si e’ rilevato che si tratterebbe di una sperimentazione di fase III multicentrico randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo in adulti.

Allora i vaccini sono in sperimentazione e clinica?

Da quanto si legge nelle determine autorizzative e nelle relative schede tecniche sembrerebbe, quindi, che questi medicinali, siano realmente in sperimentazione e clinica randomizzato. Pertanto, alcune questioni si pongono alla nostra attenzione e riflessione. Perche’ l’AIFA nelle determine chiama medicinali, cio’ che da altre parti del sito chiama vaccini? Poi, se e’ vero che siamo in sperimentazione, perche’ la popolazione italiana  non e’ stata adeguatamente ed opportunamente informata di stare partecipando a trial clinici, attraverso comunicazioni ufficiali ed attraverso il co senso informato di ogni singolo cittadino, che ha partecipato? Si possono tenere allo scuro gli italiani su delle informazioni cosi importanti, specie se meta’ di essi sono stati forse trattati con placebo?

In conclusione si può dire che

Molti dubbi nascono, poiche’ effettivamente i segnali sono contrastanti. Infatti da un lato dovremmo essere in presenza di sperimentazioni cliniche, come si evince dai documenti ufficiali. Mentre dall’altro, tutto cio’ viene presentato come una campagna di immunizzazione di massa. La questione resta aperta.

NELLE PROSSIME ORE, PROVVEDEREMO A PUBBLICARE LE DETERMINE UFFICIALI IN FORMATO PDF, PER UN AGEVOLE ED EVENTUALE ARBITRARIA LETTURA.